Buffon fa autocritica: «A volte siamo supponenti e superficiali»

Iscriviti
buffon
© foto www.imagephotoagency.it

Buffon fa autocritica: «A volte siamo supponenti e superficiali». Le parole del portiere bianconero dopo la vittoria col Leverkusen

Gigi Buffon ha parlato a Juventus TV dopo la vittoria contro il Bayer Leverkusen. Le sue parole.

PARTITA – «È stata una bella vittoria, perchè secondo me le difficoltà erano tante prima della gara, lo sono state anche soprattutto nel primo tempo. Però siamo stati bravi, abbiamo dato una risposta bella come gruppo, come attitudine, come voglia in certi momenti anche di soffire. Chiaramente prendo ad esempio gente come Cristiano, come Pipa, che soprattutto nel primo tempo ci sono stati dei momenti in cui c’era da difendere, da sacrificarsi e sono stati un bellissimo esempio: ci hanno trasmesso veramente tanta forza e tanto animo. Forza, animo e determinazione che purtroppo erano venuti meno in qualche partita non di cartello in precedenza. E non mi riferisco alla Lazio, perchè secondo me abbiamo pagato un dazio troppo grande per come avevamo giocato e per quello che avevamo dato in campo».

CRESCITA GRUPPPO – «Sì, sta crescendo, deve crescere e dobbiamo migliorare nell’avere in ogni momento la ferocia, la determinazione, la fame per voler vincere contro tutti.  Questo alcune volte viene meno e stiamo alternando prestazioni veramente convincenti sotto tutti  profili, ad altre soprattutto con squadre non blasonatissime, con supponenza e superficialità, questo ci fa pagare dei dazi troppo grandi e rischiare troppo. Sono sempre il primo a mettermi in esame, perchè alcune volte anch’io devo cercare di trasmettere agli altri l’attenzione, le motivazioni giuste, per giocare certe partite, perchè altrimenti è difficile. Per me era difficile già a 20 anni, figurati a 42. A quel punto, se mi voglio bene e non essere autolesionista, devo fare questo ulteriore salto di qualità mentale. Oggi sono felice perchè tutta la squadra l’ha avuto e mi ha fatto piacere».

Condividi