Buffon: «Non volevo essere un problema per la Juve. Ronaldo? Non sono sorpreso»

© foto www.imagephotoagency.it

Il nuovo portiere del Psg torna a parlare di Juventus, Nazionale e di Cristiano Ronaldo. Le parole di Gigi Buffon

Nel giorno della sua presentazione ufficiale con il Psg, Gigi Buffon è stato raggiunto in Francia dai colleghi di Sky Sport. Le parole dell’ex capitano bianconero.

NAZIONALE – «L’addio alla Nazionale? Come ho già detto non voglio essere un peso per nessuno, ho continuato finché mi sono sentito un valore aggiunto. Secondo me era giusto farsi da parte e così è stato, i giovani devono fare esperienza e mostrare il loro valore. In questo momento osservo da fuori il passaggio di consegne. Un ritorno? Deve esserci una necessità impellente. Altrimenti penso sia giusto lasciare spazio ai giovani come penso sia d’accordo il Ct, ci siamo sentiti tempo fa ed eravamo rimasti su questa linea».

ADDIO JUVE – «Sì, Agnelli come sempre mi aveva detto che se volevo restare uno o due anni bastava dirglielo. Io ho 17 anni di Juve, la conosco bene e le voglio troppo bene, ho troppo orgoglio per creare qualche piccolo problemino, quindi avevo deciso di smettere di giocare a meno che succedesse qualcosa come questa opportunità. La vita soprende chiunque, ha sopreso anche me».

CR7 BIANCONERO – «Non mi darebbe fastidio Cristiano alla Juve, al massimo mi hanno dato fastidio i gol che mi ha fatto. Sarebbe il miglior spot per il calcio italiano, sarebbe una conferma sul fatto che i bianconeri siano al passo coi tempi, finché la famiglia Agnelli resta un tifoso juventino dormirà sogni tranquilli. Non mi ha sopreso questa scelta della Juve di prendere Ronaldo, non mi sorprenderebbe vederlo in bianconero. I tifosi poi hanno bisogno di idoli a cui affidarsi».

FINALE PSG-JUVE – «La vita è veramente bizzarra e soprende, penso di essere una persona per bene e corretta, mi auguro che certe partite e sfide mi vengano evitate dalla vita. Una finale Psg-Juve mi dispiacerebbe sia vincerla che perderla. Tutte le altre fasi mi andrebbero bene, ma la finale no».

Articolo precedente
Rassegna bianconera di martedì 10 luglio 2018
Prossimo articolo
Emre Can: «Qui per vincere titoli, ecco perché ho scelto la 23»