Caldara: «Ronaldo mi emoziona ma in camera ho il poster di Chiellini» – VIDEO

Il nuovo difensore della Juventus si presenta in conferenza stampa all’Allianz Stadium. Le prime parole in bianconero di Mattia Caldara

È il Caldara Day in casa Juventus. Il nuovo acquisto si presenta in conferenza stampa. Ecco le sue prime parole in diretta dalla sala stampa dell’Allianz Stadium.

JUVENTUS – Momento molto importante per me. So di essere in una grande squadra, e voglio meritarmi il posto. Il centro sportivo è di altissimo livello. I campi sono perfetti, la palestra importante. La mentalità qui è vincente, basta vedere Chiellini e Barzagli.

RONALDO – Sono curioso di vedere come si allena e di conoscere la sua mentalità. Sono un po’ emozionato. Era da anni che in Italia non si vedeva un giocatore di quel calibro. La Juve ha fatto un’impresa portando il migliore. Sono onorato di giocare con lui. Io non saprei come marcarlo.

ATALANTA – L’anno scorso è stato difficile sapendo di dover venire qui. Ma ho sempre dato tutto per i colori nerazzurri e sono cresciuto. È stato difficile affrontare la Juve da avversario.

SENSAZIONI – Mi sento bene. Qualsiasi giocatore ambisce a venire qui.

ATTESA – Il treno Juve passa una sola volta nella vita. Ho deciso di aspettare un anno e mezzo prima di fare questo cambiamento, dopo aver parlato con il mio procuratore. Per arrivare qui pronti bisogna avere la giusta mentalità vincente, e l’attitudine al lavoro.

IDOLO – Il mio idolo da piccolo è sempre stato Nesta. Poi ho imparato a stimare Chiellini, ho un suo poster in camera mia. Lui mi sta aiutando molto ad ambientarmi.

CONCORRENZA – Ci sono tanti giocatori forti nel mio ruolo, so che all’inizio non sarà facile e cercherò di imparare dai miei compagni. Voglio continuare a migliorarmi.

CHIELLINI E BARZAGLI – Del primo apprezzo l’attenzione e la capacità di marcare. Di Barzagli la capacità di lettura delle situazioni.

OBIETTIVI – Vorrei giocare il più possibile. Giocare le mie carte per dimostrare di essere all’altezza.

FAMIGLIA – Senza la mia famiglia non sarei qui. Ringrazio loro e la mia ragazza che mi è sempre vicino. Sono felice di averli intorno a me.

GASPERINI – Mi ha dato tanto in questi anni. Mi ha detto di non avere paura alla Juve. Io gli sono debitore per quello che è riuscito a tirare fuori da me.

MANDZUKIC – È l’attaccante più ostico che abbia mai incontrato, sia sotto l’aspetto caratteriale che tecnico e fisico.

ALLEGRI – È un grande gestore, per ora ci ho parlato poco. Sa quando scherzare e quando essere più severo. È anche grazie a lui se sono qui.

DOUGLAS COSTA – L’anno scorso aveva qualcosa in più rispetto agli altri. Fenomenale: saltava sempre due uomini.

Articolo precedente
Juventus Women, Hyyrynen suona la carica: «Pronte per l’Arsenal» – FOTO
Prossimo articolo
Caldara al Megastore, la stampa della sua prima maglia bianconera – VIDEO