Cherubini Football Director: come cambia il suo ruolo alla Juventus

© foto www.imagephotoagency.it

Nuovo ruolo e nuove vesti per Federico Cherubini, ora football director della Juventus. Come cambia il suo ruolo, il rapporto con Paratici e la sua storia in bianconero

Federico Cherubini è il nuovo Football Director della Juventus. Il dirigente di Foligno, cresciuto proprio nella sua città d’origine prima di spiccare il volo per altri lidi, assume sempre maggiore ‘potere’ all’interno della Juventus. Arriveranno altri dirigenti in casa bianconera, come ha affermato il presidente Andrea Agnelli nel corso della conferenza stampa post CdA, ma non sotto l’aspetto sportivo, bensì sotto quello finanziario. Nel frattempo è stato confermato Fabio Paratici che dirige l’area football. Federico Cherubini è entrato nel mondo della Juventus nel 2012 come responsabile del settore giovanile ed è stato uno dei principali fautori del progetto della Juventus U23, prima di diventare a tutti gli effetti il braccio destro di Fabio Paratici. Prima il lavoro finalizzato alla crescita del settore giovanile e al monitoraggio dei calciatori in prestito in Serie B e in Serie C. Col passare degli anni Cherubini è diventato dapprima direttore del settore giovanile, quindi della Primavera, dell’Under 23, vice direttore della prima squadra ed infine “Head of Football Teams & Technical Areas prima di assumere, da ieri, il ruolo di Football Director. Il dirigente nato a Foligno si è fatto apprezzare in questi anni bianconeri e ora è uno dei due dirigenti predisposti all’area sportiva bianconera. Fabio Paratici e Federico Cherubini continueranno a lavorare fianco a fianco.

Il ruolo di Cherubini alla Juventus: le parole di Andrea Agnelli

Il presidente Andrea Agnelli ha fatto chiarezza sulle mansioni di Federico Cherubini: «Come cambiano le mansioni? Lavoro che abbiamo svolto negli ultimi mesi in tutti i processi aziendali. Parte sport ha più appetito, abbiamo fatto chiarezza sulle responsabilità dell’uno e dell’altro. Chiarezza sull’ambito operativo da parte di Federico nella struttura. Con la responsabilità di tutti i teams e di tutte le football operations. Quindi di tutta la parte sportiva nella sua sfera aziendale di strutture e logistica. Questo è quello che diventa lo scope dell’area di Federico. Fabio rimane responsabile della prima squadra e dell’area sportiva. Come abbiamo scritto anche oggi ci sono delle cariche ad interim, arrivano altri dirigenti apicali, ma non nell’area sportiva. Prima avevo tre riporti principali, oggi sono diventati due, con la creazione delle Aree Football e Business, la prima diretta da Fabio Paratici, la seconda da Stefano Bertola, entrambi con il ruolo di Managing Director. Giorgio Ricci continua a ricoprire il ruolo di Chief Revenue Officer Ricci, mentre Federico Cherubini assume quello di Football Director Nedved e io ci divideremo da un lato l’Area Sport e dall’altro l’Area Business».

Chi è Federico Cherubini: il nuovo Football Director della Juventus

Federico Cherubini di fatto è sempre più il braccio destro di Fabio Paratici, con cui ha un ottimo rapporto e si compensa. I due lavoreranno insieme, sempre a stretto contatto con il vicepresidente Pavel Nedved, e Cherubini avrà in mano tutta la gestione aziendale della parte sportiva, ha la supervisione anche di tutte le squadre sotto la prima squadra. Il dirigente bianconero, prima di iniziare la sua avventura da dirigente sportivo e dopo aver appeso le scarpe da calciatore al chiodo, ha lavorato in una società di finanziamenti e questo lavoro gli tornerà molto utile nella sua nuova esperienza alla Juventus. Non solo mercato dunque per Federico Cherubini. Al gusto per le trattative, proprio grazie alla precedente esperienza nella società di finanziamenti di cui sopra, il dirigente di Foligno conserva anche il gusto per i conti e per i numeri. Un nuovo ruolo per Cherubini, passato dalla gavetta nella sua Foligno all’affermazione nella Juventus, sempre più ambiziosa, del presidente Andrea Agnelli.

LEGGI ANCHE: Chi è Federico Cherubini: nuovo Football Director della Juventus

Condividi