Connettiti con noi

Hanno Detto

Chiellini: «Euro2020 mi ha tenuto in piedi. Allegri è la certezza della Juve»

Pubblicato

su

Chiellini: «Euro2020 mi ha tenuto in piedi. Allegri è la certezza della Juve». Le dichiarazioni del capitano bianconero

Giorgio Chiellini, capi è stato intervistato da Diletta Leotta per DAZN. Ecco i passaggi salienti della lunga chiacchierata a Torino.

POST INFORTUNIO – «Ho vissuto un periodo duro dopo l’infortunio: sono rientrato dopo sei mesi e poco dopo è scoppiato il Covid e per quasi un anno ho fatto fatica a ritrovare il giusto equilibrio e il pensiero del ritiro si è fatto strada nella mia testa ma sono stati gli Europei a tenermi in piedi e la voglia di esserci a tutti i costi».

DYBALA – «Ora lui ha tutte le carte in mano. L’addio di Ronaldo può liberare spazio per le sue caratteristiche tecniche e individuali, consentendogli di trascinare questa squadra»

DE LIGT – «Lo ritengo fortissimo, io lo chiamo Thor. Se fosse stato italiano sarebbe stato più facile da tenere così tanti anni, mi auguro che Raiola ci faccia il piacere di lasciarlo ancora un po’ di anni a Torino. Lui ha tutto, ma la differenza la fa la testa: ha 22 anni e la mentalità di uno di 30 e si pone l’obiettivo di voler migliorare tutti i giorni»

ALLEGRI – «Insieme a Conte è stato l’allenatore più importante della mia carriera nonostante siano così diversi ma accomunati dall’essere vincenti. Da loro ho imparato a superare gli ostacoli attraverso l’etica del lavoro e ad affrontare le sfide anche con un pizzico di leggerezza. Max l’ho ritrovato molto carico, è una certezza per i prossimi anni della Juve: lui è garanzia di continuità e di cosa vuol dire essere alla Juventus».

FISCHI A DONNARUMMA – «Non gli hanno fatto piacere. Ognuno di noi fa delle scelte e vanno rispettate come va rispettato il pensiero del tifoso ma penso non sia stata l’occasione giusta per fischiarlo».

CONFRONTO DONNARUMMA-BUFFON – «Gigio è speciale, differente dagli altri come si vedeva che anche Buffon era diverso dai portieri della sua generazione. Il tempo ci dirà se potrà raggiungere quei livelli però è evidente che non si tratti di un portiere normale, è qualcosa fuori dalla normalità».

CRISTIANO RONALDO – «Sono onorato di aver vissuto questi anni con lui. E’ un alieno, rimarrà nella storia come Maradona e Pelé: ha dato una spinta enorme a tutto il mondo Juve. Che in estate potesse andare via l’avevo percepito: Cristiano sentiva il bisogno di una squadra che giocasse per lui e quando questo accade è sempre decisivo. Lo sta dimostrando anche adesso e lo ha dimostrato in tutta la sua carriera, compresi gli anni in cui è stato con noi. Alla Juve è in atto un programma di ringiovanimento e poteva starci che lui scegliesse una squadra che puntasse al presente e quindi a vittorie immediate. E’ andato via il 28 agosto, sarebbe stato meglio se fosse uscito prima perché il suo addio ha creato un piccolo shock e qualcosa in termini di punti lo abbiamo pagato ad inizio anno».

IBRAHIMOVIC – «Ho avuto la fortuna di averlo come compagno ed era già immarcabile. Poi l’ho affrontato da avversario per tanti anni e l’ho amato, odiato e combattuto perché ce le siamo sempre date di santa ragione».

EURO 2020 – «Le emozioni sono incredibili e le riviviamo ogni volta che rivediamo le immagini o ci ritroviamo a Coverciano. Le vittorie vanno godute il giusto ma poi si pensa subito al prossimo obiettivo e ora dobbiamo qualificarci per il Mondiale. Le emozioni però restano e ti legano per sempre. Penso agli abbracci con Locatelli durante i rigori, sono momenti indimenticabili che tra vent’anni racconteremo ai nipotini».

MANCINI E VIALLI – «E’ stato l’artefice del successo, ci ha sempre trasmesso fiducia e serenità. Tre anni fa lo prendevano per matto quando parlava degli Europei come obiettivo e invece ci ha sempre dato grande serenità. Vialli? Sono caratterialmente diversi ma hanno un legame fortissimo: il loro abbraccio dopo la partita con l’Austria mette ancora i brividi».

KIRICOCHO«L’ho urlato a Saka perché Bentancur sulle punizioni lo dice sempre agli avversari. A forza di stare con i sudamericani mi capita di dirlo. Già contro la Spagna lo avevo detto: ha funzionato, ma non era venuto fuori. Saka l’ho massacrato, poverino. Da un errore l’ho preso per la maglia e sono diventato il meme dell’estate».

MENTIROSO A JORDI ALBA – «È stato naturale, secondo me, neanche lui aveva capito cosa aveva detto l’arbitro. C’era tanta tensione e si è messo a ridere perché non avevo rubato niente».

CHIELLINIGKEIT«Mi hanno inserito nel vocabolario tedesco. Vuol dire “Guardare alle cose in modo più leggero, un po’ seri, svolgere il proprio lavoro nel migliore dei modi e divertirsi mentre lo si fa”. Credo sia un segreto degli ultimi anni della mia carriera, sono arrivato al top dopo i 33 anni».