Conferenza stampa Di Biagio: «Contro la Juve serve la partita perfetta»

di biagio
© foto www.imagephotoagency.it

Gigi Di Biagio interviene in conferenza stampa alla vigilia del match tra la sua Spal e la Juve: le parole del tecnico

Domani, alle 18, la Juve scenderà in campo contro la Spal. Alla vigilia del match, il nuovo tecnico estense Gigi Di Biagio ha presentato la sfida in conferenza stampa.

SPAL JUVE «Come si batte la Juve? Facendo la partita perfetta e sperando che loro sbaglino qualcosa. Noi dovremo pensare a noi, sulla carta è una partita proibitiva. Ma in questo sport sono successe tante volte delle sorprese. I punti si possono prendere con chiunque. Sto vedendo una squadra in crescita, che mi sta seguendo con convinzione. Bisogna migliorare e rimanere concentrati per novanta minuti. Bisogna essere continui. Andrò avanti con la difesa a quattro, per il resto vedrete domani».

CLASSIFICA«La classifica bisogna guardarla, ma il giusto. Noi dobbiamo centrare la vittoria il prima possibile e ripartire, non ci possiamo permettere altri discorsi. Non dobbiamo guardare agli altri. Dobbiamo lavorare tanto, non abbiamo altra scelta».

ERRORI«Dobbiamo migliorare, soprattutto in fase realizzativa e a livello psicologico per tutta la partita. Io devo lavorare su questo. Ho percezioni positive, ora bisogna farle vedere in gara».

FARES«Sta lavorando bene, non so se schierarlo o meno. Valuterò domani».

CERRI «Sta lavorando a parte, ci vorrà ancora una settimana e qualcosa in più».

VICARI«Recuperato al cento per cento. Sta bene anche Sala».

EX INTER «Più stimoli per fermare la Juve da ex Inter? Potresti farmi la domanda da ex giocatore della Lazio. Ho bisogno dei tre punti da allenatore della SPAL ora, di questo ho bisogno in queste settimane».

AMBIENTE«Un pubblico spallino vicino alla squadra. Ho avvertito molte cose positive in settimana sul mio conto e sulla squadra, ma questo non ci può bastare senza fare risultati. Chiederò ai ragazzi un atteggiamento positivo per vincere la partita e caricare ulteriormente l’ambiente».

Condividi