Girelli: «Useremo l’emozione dello Stadium a nostro favore, gli insulti dell’andata…»

girelli
© foto www.imagephotoagency.it

Cristiana Girelli ha rilasciato un’intervista in vista della sfida di domenica all’Allianz Stadium contro la Fiorentina

Sulle pagine de Il Corriere di Torino, Cristiana Girelli ha parlato della sfida di domenica contro la Fiorentina all’Allianz Stadium. Di seguito un estratto delle sue parole.

GLI INSULTI DELL’ANDATA – «Provo solo compassione e pena. Anzi, indifferenza, perché la rabbia implicherebbe un sentimento da parte mia. È una questione nata e finita lì, a Firenze. Non credo che tutti i tifosi della Fiorentina siano come quei quattro imbecilli che erano in tribuna. Dicevano che ero stata io la prima ad offendere i tifosi, ma chi mi conosce sa che non mi permetterei mai».

JUVENTUS WOMEN-FIORENTINA – «Potrebbe essere decisiva, anche se in palio restano ancora 12 punti. Quella viola è una squadra molto forte e tosta che ci ha già battute in Supercoppa».

L’ALLIANZ STADIUM – «Sapremo usare l’emozione a nostro favore. Ogni volta che sono andata con Martina Rosucci allo Stadium per vedere la Juve ci dicevamo “chissà se un giorno toccherà anche a noi?”. Speriamo che ci sia tanta gente. In Giappone, quattro anni fa, ho giocato con la Nazionale davanti a 50 mila spettatori».

ATLETICO MADRID-BARCELLONA WOMEN – «Non credo che una cosa del genere sia realizzabile anche in Italia. Ma sono stati fatti grandi passi avanti, anche grazie alla Juve che ha dato una scossa al movimento creando persino qualche invidia tra gli altri grandi club».

LA VOGLIA DI TORNARE AL GOL – «Tanta. Nove reti all’attivo a quattro giornate dal termine mi lasciano un po’ di amarezza. Vorrei segnare allo Stadium, che ve lo dico a fare… Verranno una cinquantina di persone a vedermi, da Brescia fino a Lecce. Purtroppo sono rientrata dalla Nazionale con un acciacco, ma spero di poter dare il mio contributo magari bissando il gol dell’andata».

L’attaccante della Juventus Women ha anche parlato ai microfoni di Juventus TV.

GIORNATA IMPORTANTE – «Sicuramente per il calcio femminile italiano, visti i numeri che si vedono in Europa. la Juve ha fatto una cosa meravigliosa e adesso sta noi».

ENTUSIASMO – «Ce n’è tanto da parte di tutti. Ricevo tanti messaggi dai genitori che non vedono l’ora di accompagnare bambini e bambine. Sarà una grande giornata di sport».

CONDIZIONI – «Non sto benissimo, questa settimana sarò importnante. Deciderà il mister, io spero di esserci».

FIORENTINA – «La reputo una squadra tosta. Starà a noi lasciare l’emozione nello spogliatoio e fare contenti i tifosi. Servirà la giusta cattiveria».