Inzaghi: «Pirlo avrà una carriera brillante ma ci vuole equilibrio. Morata mi piace»

© foto www.imagephotoagency.it

Parla Pippo Inzaghi. Il tecnico del Benevento dice la sua su Andrea Pirlo alla Juve e sul ritorno di Morata

Filippo Inzaghi, allenatore del Benevento, è intervenuto all’interno del programma Tiki Taka, condotto da Piero Chiambretti, su Italia 1. Ecco le sue parole su Pirlo e Morata alla Juve e non solo.

MILIK O DZEKO – «Tutti e due. Saremmo un po’ sbilanciati ma andrebbe bene così».

PIRLO ALLENATORE – «Conosco bene Andrea che è un ragazzo molto intelligente. Quando smetti di giocare e inizi a fare l’allenatore cambia tantissimo anche se essere stati 20 anni nello spogliatoio con grandi allenatori è qualcosa che ci portiamo dentro e che ti dà dei vantaggi. Partire così non è semplice ma avere alle spalle una società così forte e dei giocatori così bravi può essere solo vantaggio, perché se anche sbaglierà qualcosa i giocatori possono rimediare. Sono contento per Pirlo e sono certo che avrà una carriera brillante».

LA TESI A COVERCIANO – «Io preparai la tesi sulla mentalità vincente perché pensavo di essere preparato in quello. È stato un corso che è durato alcuni anni, il patentino a Coverciano si prende come tutti e lì si impara molto poi è chiaro che le esperienze ti fanno crescere molto. Andrea ha fatto le cose come tutti, adesso però non vorrei che elogiassimo troppo Andrea e poi fra dieci partite siamo qui a criticarlo. In Italia ci vuole equilibrio».

MORATA ALLA JUVE – «A me piace, è un centravanti moderno che sa attaccare la profondità ed è bravo in area. Va a completare il reparto offensivo bianconero».

LEGGI ANCHE: Sconcerti: «Con questa Samp avrebbe vinto chiunque. Kulusevski come Ibra»

Condividi