Juve, un anno fa si era speso il doppio

higuain
© foto Massimo Pinca

Nel calciomercato del 2016 le spese per gli acquisti sono state quasi il doppio. Allora la maxi cessione di Pogba aveva però fatto la differenza

168,90 milioni contro 97,7 milioni. Questo il gap fra quanto speso lo scorso anno e quanto in questa sessione di calciomercato. Allora però c’era stata la maxi cessione di Pogba e il colpo da 90 milioni targato Higuain. Praticamente la Juve in questa sessione fra i vari Costa, Matuidi, Howedes, Bernardeschi ecc. ha speso all’incirca la stessa cifra sborsato per intero per il Pipita.

Il discorso vale però anche all’inverso. Un anno fa le cessioni avevano reso molto di più: 163,5 in tutto. Oltre ai 105 di Pogba e i 30 di Morata anche i vari Pereyra (13), Isla (4) e Zaza (5 più il riscatto a 20) con altre operazioni minori. A fine anno anche il bonifico dal parte del Bayern Monaco di 21 milioni nell’ambito degli accordi per Coman. Il grosso era stato reinvestito per Higuain (90 milioni), ma anche Pjanic, costato 32. Per un saldo negativo fra cessioni e acquisti di poco più di cinque milioni.

Quello che emerge da un anno all’altro è comunque la crescita esponenziale dei prezzi. L’operazione più costosa del 2017 finora è stato Douglas Costa (6 per il prestito più 40 per il riscatto) e Bernardeschi (40 milioni). Al netto dei 42 milioni per la cessione di Bonucci. Finora il bilancio è negativo per 14,1 milioni anche se peseranno poi i riscatti di Costa e Howedes (12).

Condividi