Connettiti con noi

News

Juve, in casa non va: che fine ha fatto il fortino Stadium?

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

La Juve di quest’anno ha un rendimento sotto le aspettative allo Stadium. Che fine ha fatto il fortino bianconero?

La Juve ha bisogno dello Stadium. E lo Stadium ha bisogno della Juve. A partire da questa sera contro il Genoa. Fino a questo momento della stagione, infatti, i bianconeri di Allegri hanno offerto un rendimento ampiamente al di sotto delle aspettative rispetto a quelle che erano le abitudini di tifosi e addetti ai lavori tra le mura amiche di Torino. Il fortino quasi sempre invalicabile, quest’anno, sembra aver aperto più di qualche crepa. Gli avversari della Juve lo sanno e quando vengono a Torino non hanno più quella paura e quel timore che spesso e volentieri hanno fatto la differenza nei trionfi Chiellini & co. E in più di un’occasione sono riusciti a portare a casa bottino pieno.

Basta leggere i dati casalinghi della Juve in Serie A per rendersi conto che qualcosa non va. In partite 7 allo Stadium la Juve ha incassato 3 ko (sui 5 totali), vincendo 3 partite e pareggiandone 1. 7 sono stati i gol segnati, così come 7 sono stati quelli subiti. Troppe poche, quindi, le reti siglate tra le mura amiche e curiosità vuole che nessuno tra i marcatori bianconeri allo Stadium, in campionato, abbia fatto più di un gol. Troppi sono anche i gol subiti: i clean sheet, non a caso, sono stati appena 2. La Juve ha perso con Empoli e Sassuolo oltre all’ultimo ko con l’Atalanta: lo stesso numero di sconfitte totali che Pirlo aveva ottenuto nell’arco dell’intero campionato scorso.

Difficile spiegare le ragioni di questo semi crollo nel rendimento casalingo dei bianconeri di Allegri. Facendo un confronto con lo stesso periodo della stagione scorsa con Pirlo, la prima ed unica sconfitta in campionato tra le mura amiche dello Stadium era arrivata all’ultima di campionato prima della sosta contro la Fiorentina (22 dicembre 2020, 0-3). A questa va aggiunto il ko contro il Barcellona in Champions League (28 ottobre 2020, 0-2). Nel girone di ritorno di campionato, invece, fecero scalpore lo o-1 col Benevento e lo 0-3 col Milan.

In Champions League, invece, il percorso della Juve di Allegri è stato netto e senza problemi con due vittorie su due con Chelsea e (1-0) e Zenit San Pietroburgo (4-2), in attesa della sfida di mercoledì contro il Malmoe che potrebbe essere molto importante per provare a riconquistare il primato nel girone.

Quali i motivi delle difficoltà allo Stadium della Juve? I risultati altalenanti hanno rotto qualcosa nel rapporto tifosi-squadra? Trovare una risposta non è semplice. Nella passata stagione, causa Covid, i supporters bianconeri furono impossibilitati a sostenere i propri beniamini dagli spalti dello Stadium. Quest’anno la stagione è iniziata con la loro presenza regolare, ma le cose non sono andate come si sperava. Da stasera a fine 2021 i bianconeri giocheranno in casa solo contro Genoa, Malmoe, e Cagliari. Servono risposte immediate: la Juve ha bisogno di ritrovare e riconquistarsi il suo fortino.