Juventus U23, esordio duro contro il Novara. Per i bookies favoriti i padroni di casa

pecchia
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus U23, esordio duro nel derby contro il Novara. Per i bookies favoriti i padroni di casa: ecco le statistiche

Inizia subito con un derby piemontese il campionato della Juventus Under 23. I bianconeri affrontano il Novara al Silvio Piola, nel primo turno del campionato di Serie C, Girone A. Un impegno sulla carta non agevole e contro una squadra ancora da decifrare quello dei ragazzi di Pecchia, rivoluzionati dal mercato negli uomini e nelle ambizioni. Sono tanti i volti nuovi a disposizione del tecnico subentrato in estate a Zironelli: dal talento del Lione Rafia a Clemenza, passando per l’attaccante Mota Carvalho, protagonista di un’ottima stagione nella passata stagione con la Virtus Entella. Tre innesti di qualità per puntare magari anche a un piazzamento nella zona playoff, dopo una prima stagione di adattamento tra i grandi. Secondo i bookies la Juve, reduce dal passaggio del turno in Coppa Italia Serie C contro Pergolettere e Reggio Audace, parte sulla carta sfavorita, contro una compagine desiderosa di riscatto e ancora scottata da una stagione nettamente al di sotto delle aspettative. Per Betclic una vittoria di Madama è infatti quotata a 3.53. Posta simile per il pareggio (3.40), mentre un successo gaudenziano è a 2.12. Simili anche le quotazioni Snai: 2.05 la vittoria dei padroni di casa, 3.30 il pari e 3.45 un successo esterno. Per Sisal vittoria del Novara a 2.10, pareggio a 3.20 e vittoria della Juve a 3.40. L’X2 è a 1.64.

I NUMERI – Alla prima partita di campionato della sua storia, la Juventus Under 23 debuttò nella stagione 2018/2019 con una sconfitta. Al Moccagatta si impose l’Alessandria 2-1: inutile nel finale la firma di Zappa dopo il doppio vantaggio grigio. Contro i gaudenziani, il confronto è in totale parità: l’anno scorso sia l’andata che il ritorno terminarono 1-1. Al Piola, dopo una magia di Cacia in rovesciata trascorsi appena 11 secondi, arrivò il pari su Bunino, a salvare gli allora ragazzi di Zironelli. A fine anno furono poi otto i punti di distacco. Il Novara chiuse nono, a quota 50, la Juve tre posizioni più indietro, al dodicesimo posto dietro anche ad Alessandria e Pontedera.