Lucchese, Obbedio: «Siamo alla canna del gas. Se si vuole si finisce qua»

juventus u23
© foto www.imagephotoagency.it

Parole dure del direttore della Lucchese Antonio Obbedio alla vigilia di Juventus U23-Lucchese di Serie C

Alla viglia del match contro la Juventus U23, in programma oggi alle ore 14.30 allo Stadio dell’Alessandria, Antonio Obbedio usa parole forti nei confronti della sua Società: «Siamo alla canna del gas: la Società ci dica se vuole che finiamo qua»

LA LUCCHESE –  «Oggi la Lucchese è fatta da quelli che rimangono a lottare, siamo rimasti in pochi. Ieri c’è stato un ennesimo episodio spiacevole. Allora sono io a chiedere: dove ci vogliono portare? Stiamo andando tutti oltre le nostre possibilità. Continuiamo a lavorare per l’attaccamento alla società, ma ci vuole chiarezza: vogliono che finiamo questo lavoro o vogliono interromperlo? Ieri è arrivata la comunicazione dalla Lega che sono stati bloccati i contributi: siamo alla canna del gas. Per fortuna la prossima settimana non si gioca, ma abbiamo due settimane di tempo per reperire liquidità utile a pagare i contributi, le spese per le trasferte e quelle per l’attività di ogni giorno».

LA SOCIETÀ – «Se la società non pagherà entro il 16 marzo, infatti, si profilerebbe uno scenario terribile, i ragazzi potrebbero già mettere in mora la società, per la mensilità di gennaio. A metà marzo non so cosa potrebbe accadere».

SEDUTA DELLA COMMISSIONE SPECIALE SUL CASO LUCCHESE –  «So che non possono obbligare nessuno ad aiutarci, ma servirà per mettere in piazza la questione, una volta di più. Siamo un patrimonio della città, ma ci troviamo alla follia: se non vogliamo finire come Pro Piacenza e Matera bisogna intervenire. Altrimenti qualcuno ci dica di quale morte dobbiamo morire. Sarebbe da pazzi che la Lucchese sparisse per il debito che ha, le altre avevano debiti quattro – cinque volte superiori»
LA NUOVA SOCIETÀ – «Ci sono intrecci di telefonate tra Moreno Micheloni, Arnaldo Moriconi che dice che non c’entra più nulla per questa proprietà. Ieri alle 19 abbiamo perso cinque alberghi: alla fine è arrivata l’autorizzazione a partire da parte dell’amministratore unico Ottaviani. Quando abbiamo prenotato per la trasferta volevano una carta di credito per garanzia ed ho dovuto dare la mia. Chi vede i conti correnti della Lucchese? Da quando c’è stato il passaggio di proprietà hanno tolto tutto alla segretaria Marcella Ghilardi. La posta? Non sappiamo nemmeno chi la prende».