Il marchio Jeep festeggia con Juventus un nuovo record

juventus esultanza gol
© foto www.imagephotoagency.it

I record ottenuti insieme da Juventus e Jeep sono stati festeggiati con la consegna dei SUV Jeep alla squadra

All’alba della stagione 2018-2019, Jeep e Juventus festeggiano insieme un nuovo record: nove vittorie iniziali, in tutte le competizioni. Furono otto nel 1930, ma la Juventus ha già dimostrato di saper superare sempre i propri limiti, annata dopo annata. Una caratteristica che la accomuna al brand Jeep, Official Sponsor dal 2012-2013. Con il marchio sul petto, la squadra ha centrato l’esaltante accoppiata tra campionato e coppa nazionale per ben quattro volte di fila: un record dal sapore 4×4, in puro stile Jeep. Non solo: i titoli nazionali conquistati consecutivamente sono sette, un numero da sempre alla storia del brand. Già dal 1945, infatti, la CJ-2A, la prima Jeep pensata per uso civile, sfoggiava la griglia frontale a sette feritoie, e questo tratto è divenuto, nel tempo uno dei simboli più genuini e iconici del brand.

L’occasione per celebrare questo nuovo primato è stata la consegna della flotta di SUV Jeep che accompagnerà la squadra lungo una stagione che si preannuncia ricca di grandi sfide sia sui campi italiani sia sui palcoscenici internazionali. Le stesse sfide che affronta il marchio Jeep: nell’ultimo trimestre, le vendite del brand in Italia sono aumentate del 55 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, per la più alta quota mai raggiunta dal marchio in un singolo trimestre. In Europa, ad agosto l’incremento delle registrazioni è stato del 158,1 per cento rispetto al 2017 e la crescita totale dei primi otto mesi, sempre rispetto allo scorso anno, pari al 78,5 per cento. Jeep è dunque pronta ad affrontare il suo “campionato” e, come la Juventus, si è “rinforzata” con nuovi player: la gamma di SUV più premiata di sempre può contare oggi su quattro nuovi modelli come Wrangler, Compass, Renegade e Cherokee, che hanno fatto da poco il loro esordio.

Articolo precedente
capelliniPrimavera Torino Juventus, ecco chi arbitrerà l’incontro
Prossimo articolo
marottaMarotta all’Arsenal, una pista che si sta raffreddando