Moratti spara: «Sogno Dybala all’Inter»

moratti
© foto www.imagephotoagency.it

L’ex presidente dell’Inter ha parlato del buon momento dei nerazzurri e della lotta Scudetto con la Juventus. Alla quale, Moratti, ruberebbe un giocatore su tutti

L’obiettivo ottavi di Champions non può e non deve passare in secondo piano. Tuttavia, quella corrente, e anche e soprattutto la settimana che porterà la Juventus al big match di sabato sera contro l’Inter. Ed è proprio in vista della partitissima dello Stadium che Massimo Moratti, ex patron dei nerazzurri, ha concesso una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport. Focus, come ovvio, sull’Inter nuova capolista della Serie A ma anche sulla rivalità, storica, tra il Biscione e Madama. E poi, per finire, ecco il recondito desiderio di Moratti: vedere Icardi e Dybala, un giorno, insieme con la maglia dell’Inter. Le sue parole.

OBIETTIVO SCUDETTO – «Si può parlare di scudetto? Sì. E’ importante averlo dentro la testa e il cuore, ma va pure temuto ogni domenica per avere la giusta tensione. Però oltre alla Juve ci sono anche le romane e un Napoli che Sarri fa giocare a meraviglia».

RIVALITA’ CON JUVE E MILAN – «Non c’è paragone. Da una parte c’è un dualismo cittadino, un confronto costante e diretto. Dall’altra un antagonismo storico. Sportivamente parlando, il vero nemico è la Juve».

JUVE-INTER – «Ci arriviamo entrambe nel momento migliore. Spero che sia un grande spettacolo, anche perché adesso la rivalità è rimasta su basi sportive. Allegri è bravissimo, bisogna vedere come ci studierà, ma ho fiducia in come Spalletti studierà loro. Hanno giocatori di grande qualità. E lo stadio sarà tutto juventino. E’ una sfida che viene proprio voglia di affrontare. Cosa temo della Juve? Gli automatismi che ti meravigli che funzionino sempre. Poi Higuain e Dybala. Nel senso che a loro toglierei il centravanti e visto che all’Inter lo abbiamo già, qui porterei l’ex Palermo. Icardi-Dybala, che coppia fantastica!».

Articolo precedente
lotitoLotito provoca: «Milinkovic? La Juve non ha i soldi»
Prossimo articolo
Juve, guai a te: tutti i rischi di un match “scontato”