Pagelle Juventus-Atalanta Under 17: Lipari illude, Ahamada giganteggia VOTI

© foto www.imagephotoagency.it

I voti ed i giudizi ai protagonisti del quarto di finale di ritorno dei playoff: pagelle Juventus-Atalanta Under 17

Le pagelle dei protagonisti del quarto di finale di ritorno dei playoff tra Juventus e Atalanta Under 17. Il match d’andata terminò 4-0 in favore della Dea. LA CRONACA DEL MATCH

Garofani 6 – Traore sceglie la precisione e lo trafigge dal dischetto, Repa incastra la sua incornata sotto la traversa. Sicuro nelle uscite alte.

Lamanna 6 – Dal suo versante, Faye si vede poco in zona offensiva. Dal suo lato, però, ha preso forma il cross di Ruggeri che ha portato al 2-1.

Verduci 6.5 – Pimpante e vivace quando si sgancia in avanti per dare supporto alla fase offensiva.

Sekulov 6 – Non sempre al centro della manovra. Si vede poco in avanti, concentrando le sue energie come schermo davanti alla difesa. Dal 71′ Pittavino 6 – Inserito nel forcing finale.

Dragusin 6 – Gli attaccanti nerazzurri sono dei clienti scomodi da arginare. Per il raddoppio, Repa si inserisce con troppa facilità tra le maglie dei due centrali.

Riccio 6.5 – Come il compagno di reparto, perde la marcatura sul numero nove della Dea che punisce senza pietà. Cresce nella ripresa, uscendo a testa alta da situazioni delicate. Dal 74′ Spina 6 – Corre pochi pericoli.

Sterrantino 6 – Si muove tanto in avanti, cercando lo spazio libero per inserirsi. I compagni, però, lo cercano poche volte lungo il suo versante. Dal 46′ Ahamada 6.5 – Cambia il volto del centrocampo con la sua fisicità.

Tongya 6 – Brilla in alcune circostanze per i suoi uno-due precisi con Abou. Ci si aspetta sempre di più da un giocatore dalle sue caratteristiche e qualità.

Lipari 7 – Ha il merito di sbloccare la partita con uno dei suoi marchi di fabbrica: il killer instinct sotto porta. Freddo, glaciale nel battere Nazza. Dal 59′ Da Graca 6 – Dà profondità con i suoi movimenti.

Brentan 6 – Ha in mano le chiavi del gioco, ma patisce a tratti la morsa stretta attorno a lui dalla fisicità dei centrocampisti avversari. Dal 74′ De Winter 6 – Generosità al momento dell’ingresso.

Abou 6.5 – Velocità e dribbling le sue armi nell’identikit. Accelera e crea qualche grattacapo alla difesa nerazzurra con i suoi guizzi. Dal 46′ Moreno 5.5 – Espulso dopo pochi minuti dal suo ingresso in campo.