Pellegri, quale futuro? Non solo Juve, il Genoa gongola

pellegri
© foto www.imagephotoagency.it

Pietro Pellegri con la doppietta alla Lazio a 16 anni si è fatto conoscere al mondo. La Juve aveva già provato a prenderlo in estate, ma attenzione al City

Pietro Pellegri era il nome fisso per Marotta. L’obiettivo per costruire la Juve del futuro, giovane e italiana, seguendo le linee guida già tracciate gli scorsi anni con le varie operazioni Mandragora, Caldara, Rugani, Orsolini, eccetera. Assicurarsi le giovani promesse fin da subito. Quando per l’appunto sono ancora giovani promesse. Con Pellegri non era naturalmente facile. Il classe 2001, che lo scorso anno nel giro di un giorno polverizzo il record dell’altro millenial Kean, aveva già segnato a Szczesny in Roma-Genoa dello scorso campionato. Attirando così tutte le luci della ribalta.

Inter, Milan e Juve hanno avuto lunghi discorsi con Preziosi in estate. I bianconeri in particolare puntavano anche a Salcedo e volevano coinvolgere nell’operazione Laxalt quando era ancora in ballo Spinazzola. Ma la tecnica dei rossoblu era chiara: temporeggiare, fino a che il giocatore sarebbe completamente esploso. Una doppietta alla Lazio e 16 anni può rientrare benissimo in questo caso.

Ora però si scatenerà l’asta. A cui parteciperanno anche le big estere. In particolare due: Monaco e Manchester City. I citiziens avevano già cercato di strappare il giocatore da giovanissimo, a 14 anni, offrendo 3.5 milioni al Genoa. Ma la famiglia Pellegri aveva detto no, preferendo restare ancora in Italia. Ieri, secondo quando riportato da Sportitalia, c’erano degli osservatori da Manchester venuti apposta per lui. Già dalla prossima stagione il giocatore potrebbe approdare in una big. E per la Juve sarà bagarre.

Condividi