Pirlo, prima settimana da allenatore: da Coverciano allo Stadium

© foto www.imagephotoagency.it

Pirlo, prima settimana da allenatore: da Coverciano allo Stadium. Inizia il percorso effettivo del neo tecnico della Juventus

È una settimana da allenatore a tutti gli effetti quella che ha cominciato ieri Andrea Pirlo nelle sale del museo della Nazionale italiana, alle porte del Centro Tecnico Federale di Coverciano. Il patentino Uefa Pro è la tessera lasciapassare che consentirà al tecnico della Juventus di sedersi sulla panchina dell’Allianz Stadium domenica contro la Samp, in occasione della prima uscita stagionale di Chiellini e compagni. Tesi discussa, in attesa del voto che – si vocifera – non dovrebbe discostarsi dal 110: Pirlo aspetta la lode in campo.

Pirlo allenatore: i collaboratori e gli allenamenti

Il sentiero è tracciato: Pirlo ha preso confidenza con il nuovo ruolo. Conosceva già lo Juventus Training Center della Continassa come le sue tasche, per lui non è stato difficile vestire l’outfit da mister. Tanto pallone e tanta tattica nelle prime sedute con la squadra, per ora pochi gli allenamenti col gruppo al completo a causa della sosta per le Nazionali. «I ragazzi si stanno abituando al nuovo tipo di lavoro, si divertono e questa è la cosa più importante per ripartire. Abbiamo davanti una lunga stagione e adesso avremo modo e tempo per lavorare tutti insieme», ha spiegato il tecnico. Per ora il tempo è stato comunque sufficiente per far passare i primi concetti, anche grazie all’ausilio di uno staff che è connubio perfetto di gioventù, esperienza e juventinità. Il vice Igor Tudor è incaricato di curare i meccanismi difensivi, i collaboratori Baronio e Gagliardi avranno un ruolo fondamentale nel curare i rapporti con la squadra e la tattica. A Bertelli e Filippi sono state affidate rispettivamente  la preparazione atletica e quella dei portieri.

Pirlo allenatore: le amichevoli e il rapporto coi giocatori

Per ora le avvisaglie sono molto positive. Due vittorie nei primi due test match della stagione, per quello che può contare, con Under 23 e Novara. In particolare nella seconda si è iniziato a intravedere l’idea di calcio di Pirlo: non è prova inconfutabile dell’incidenza sul gruppo del neo tecnico, ma comunque un punto di partenza. A proposito di gruppo, la i giocatori sono rimasta piacevolmente sorpresi dal modo di rapportarsi con i singoli. Pirlo predilige il dialogo individuale e diretto, in forte antitesi con quanto accaduto nella precedente gestione tecnica sotto la guida di Maurizio Sarri. Positiva e rispettosa dei ruoli la relazione coi senatori dello spogliatoio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Gigi e Andrea… 😍 Le parole di #Pirlo dopo la sua prima panchina: “Sono soddisfatto perché è la prima partita. Ci siamo ritrovati con tutti i giocatori a disposizione solo giovedì, quindi abbiamo avuto a disposizione solo due giorni per poter preparare la partita e per provare le nostre cose. I ragazzi si sono impegnati, hanno fatto un bell’allenamento e questa era la cosa più importante. Stiamo provando diverse soluzioni. Nel primo tempo abbiamo provato con una difesa a quattro che in fase di impostazione diventava a tre. Mentre nel secondo tempo siamo rimasti con i tre fissi dietro e con i tre davanti. Proviamo più soluzioni per vedere anche i giocatori che abbiamo a disposizione. Abbiamo ancora una settimana per preparare la partita di domenica. I ragazzi si stanno abituando al nuovo tipo di lavoro, si divertono e questa è la cosa più importante per ripartire. Abbiamo davanti una lunga stagione e adesso avremo modo e tempo per lavorare tutti insieme. Sono l’allenatore della Juventus quindi è normale che chi viene qua deve vincere. Ringrazio John per le sue parole e fa sempre piacere avere questi attestati di stima. So che devo vincere, ma era così da giocatore e lo sarà anche da allenatore”. Si, l’attaccante serve il prima possibile, però il mercato è lungo, durerà fino al 4 ottobre e c’è tempo per poter lavorare. Speriamo che si possa aprire lo stadio almeno una parte per i nostri tifosi, perché ne abbiamo bisogno noi e ne ha bisogno tutto il movimento calcistico italiano ed europeo. Cristiano sta bene, lo ha dimostrato in nazionale, lo abbiamo visto anche oggi. Si muove con disinvoltura ed è pronto per poter fare una grande stagione”. . [img 1 via @bianconeribra] . . #AndreaPirlo #CoachPirlo #Buffon #GigiBuffon #JuveNovara #JuventusNovara #juve #juventus #juventusfc #juventinità #football #calcio #soccer #futbol #blackandwhite #bianconeri #storiadiungrandeamore #allianzstadium #finoallafine #forzajuve #finoallafineforzajuventus #LiveAhead #instajuve #picoftheday #SerieA #serieatim #CristianoRonaldo #CR7 #Ronaldo

Un post condiviso da La Maglia Bianconera (@la_maglia_bianconera) in data:

 Juve-Sampdoria: le idee applicate

«Stiamo provando diverse soluzioni. Nel primo tempo eravamo a quattro dietro, che diventava una linea a tre in impostazione. Nel secondo tempo eravamo bloccati a tre. Stiamo preparando più soluzioni coi giocatori a disposizione», sono gli appunti del tecnico dopo il Novara. La linea difensiva mobile è solo una delle idee che Pirlo ha provato in campo e discusso in aula nella tesi denominato «Il mio calcio». Calcio che è atteso dal primo vero banco di prova della sua carriera: il debutto in partita ufficiale contro la SampdoriaAgnelli e Paratici pensano che Pirlo sia un predestinato, i tifosi della Juventus non vedono l’ora di dar loro ragione..

LEGGI ANCHE: Vidal-Inter è tradimento alla Juve e a se stesso. Quel tatuaggio parla chiaro

Condividi