Pjanic stuzzica il Napoli: «Si nascondono. Bel gioco? Ma poi vince la Juve»

pjanic
© foto www.imagephotoagency.it

Il centrocampista bosniaco si è raccontato in una lunga intervista. Inevitabilmente Pjanic si è soffermato anche sulla partitissima di questa sera. Che frecciate al Napoli!

Sarà, verosimilmente, uno degli uomini chiave di questa serata di grande calcio. Le fortune della Juventus passeranno, senz’altro, dalle giocate di Miralem Pjanic, vero motore della manovra bianconera. L’ex Roma ha parlato sulle pagine de Il Corriere dello Sport in un’intervista rilasciata a Walter Veltroni. Il bosniaco si è raccontato tra infanzia, parentesi giallorossa e Juve. Ma, naturalmente, c’è tanto di Napoli-Juve nelle parole di Pjanic. Ecco Miralem.

IDOLO ZIZOU – «Da bambino il mio idolo era Zidane, lo amavo soprattutto quando stava al Real Madrid. Ricorderò sempre la finale giocata a Cardiff, i suoi gesti, i Mondiali che ha disputato. Ho amato il Real per lui, ma mi piacciono anche squadre come il Barcellona di Messi, mi piace chi fa sognare la gente che ama il calcio. Da bambino arrivare ai livelli di Zidane era solo una fantasia. Perciò oggi per me giocare in una squadra come la Juventus, significa toccarlo con mano, quel sogno. Spero che la mia crescita continuerà e che io possa fare ancora di più, per questa società e questa squadra».

FRUSTRAZIONE ROMA – «Roma ho passato cinque anni fantastici, è stata sicuramente la tappa più importante della mia carriera. Ho trovato una grandissima società alla quale ero legatissimo. Purtroppo andando avanti con gli anni vedevo che facevamo un bel calcio, stavamo sempre nelle prime posizioni, però alla fine era difficile competere con una Juventus che era troppo avanti rispetto alle altre. La Juve già da un paio di anni mi voleva. Io avevo rifiutato perché non me la sentivo e volevo restare a Roma. Poi ho pensato che era arrivato il momento di rimettersi in gioco».

VITTORIE BIANCONERE – «Volevo vincere, raggiungere traguardi importanti. In un anno alla Juventus ho vinto lo scudetto e giocato la finale di Champions. La carriera di un calciatore è breve e non ci si deve mai fermare. Volevo nuove sfide e i bianconeri erano la squadra perfetta per me. Dove possiamo arrivare quest’anno? La verità è che abbiamo una grande rosa e questo nessuno può metterlo in dubbio. Poi chiaramente abbiamo delle cose da migliorare. In campionato spesso vince chi prende meno gol, in Champions, invece, sono le squadre che segnano di più ad essere pericolosissime. L’obiettivo numero uno è vincere il settimo scudetto, poi centrare la qualificazione in Champions».

NAPOLI-JUVE – «Sarà una grande sfida tra due pretendenti allo scudetto. Loro lo stanno nascondendo, ma si vede chiaramente che stanno giocando per vincere il campionato e delle altre cose gli importa meno. Faccio i complimenti sinceri alla squadra di Sarri per quello che ha fatto. Veder giocare il Napoli è sempre bello, ma la Juve ha sempre vinto perchè alla fine la squadra fa la differenza. Il Napoli gioca il calcio più bello ma alla fine vincono gli altri, almeno spero che sia così anche stavolta».

Articolo precedente
arrigo sacchiSacchi sicuro: «Napoli o Juve? Sarri ha già vinto»
Prossimo articolo
allegriMaledizione Vinovo: tutti gli infortuni bianconeri – GALLERY