Il “Principino di Bel-Air”: Marchisio pensa agli USA

marchisio
© foto www.imagephotoagency.it

In uno dei momenti meno esaltanti della propria carriera, Claudio Marchisio inizia a pensare al futuro. Che, tristemente, potrebbe essere molto lontano da Torino

Succede spesso: nei momenti difficili della propria vita, un individuo è portato a interrogarsi sul futuro. Claudio Marchisio è, professionalmente, in una fase decisamente grigia della carriera: il ginocchio malconcio, le tante panchine, l’emblematica esclusione con l’Inter. Insomma c’è più di un motivo per non essere al top della felicità. Quindi è normale che il Principino si sia lasciato andare a un paio di riflessioni del genere “cosa voglio fare da grande?”. E il pensiero, evidentemente, è volato Oltreoceano.

IL PRINCIPINO DI BEL-AIR – Al di là del riferimento alla nota sit-com statunitense, il futuro di Claudio potrebbe concretamente prendere forma negli States. Infatti, come riportato da Tuttosport, per lui sarebbe già programmato un futuro in MLS, modello Andrea Pirlo. Non si tratta di un’ipotesi immediata – Marchisio è legato alla Juventus sino al 2020 – ma di un progetto che potrebbe realizzarsi a scadenza di contratto, quando il centrocampista avrà 34 anni. In condizioni normali ancora troppo pochi per pensare a un pensionamento in USA ma, di mezzo, c’è quel ginocchio che non la smette di far male. È un ragionamento che mortificherà i tifosi bianconeri, lo sappiamo, ma è quanto, di questi tempi, sta passando nella mente di Claudio Marchisio. Ed è parecchio triste, sì.