PUNTO A CAPO – La sfida di Sarri e le certezze di Agnelli

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Il rapporto tra Agnelli e Sarri è sempre saldissimo, le prime difficoltà non spaventano l’allenatore juventino

Nessuna incertezza, nemmeno un dubbio. La sconfitta contro la Lazio non ha minimamente scalfito il rapporto di grande stima e massima fiducia tra Andrea Agnelli e Maurizio Sarri. Le parole del presidente, alla cena di natale della Juventus, sono perentorie: «Sarà una sfida dura e difficile ma che assieme sappiamo di poter vincere». Un messaggio a tutti: avversari, tifosi, giocatori e allenatore. Le difficoltà sono fisiologiche, evidentemente la dirigenza le aveva messe in conto al momento di chiudere con Allegri e aprire a Sarri.

Preoccupano, dunque, relativamente. E poi c’è quella parola, “assieme”, che conferma la piena unità d’intenti tra la guida della società e quella della squadra. Un endorsement di cui forse non c’era nemmeno bisogno, ma arrivato al momento giusto, in una settimana complicata dalla prima sconfitta stagionale, il -2 in classifica e l’emergenza a centrocampo. La Juve ha scelto Sarri in estate e poco prima di natale, dal palco delle OGR, Agnelli ha ribadito con fermezza la sua decisione, convinto che i risultati arriveranno. Servirà solo un altro po’ di pazienza. D’altronde ogni rivoluzione ha bisogno dei suoi tempi.

Condividi