Connettiti con noi

Hanno Detto

Rabiot: «Giocare senza pubblico fa schifo! Muscoli? Nessun prodotto illegale»

Redazione JuventusNews24

Pubblicato

su

Adrien Rabiot ha parlato della sua carriera, dal City alla Juve, ma non solo. Le parole del centrocampista francese

Rabiot si è raccontato a Billion Keys: le parole del centrocampista francese.

CITY«Sono andato in Inghilterra sia per scelta sportiva, ma anche per scelta familiare. Perché City? Semplicemente perché il progetto sportivo era interessante. In tutta sincerità, non ho incontrato alcuna difficoltà nell’integrarmi poiché i miei parenti erano al mio fianco. Quindi non ero da solo, ad esempio trovandomi in una famiglia affidataria. Ho imparato un po ‘di inglese di base a scuola. Mio fratello e io ci siamo sentiti i benvenuti a scuola. Eravamo entrambi nella stessa classe, il che ci ha reso più facile adattarci. Anche gli inglesi erano felici di poter interagire con i francesi. In termini di calcio, sono stato subito surclassato dai giocatori che avevano due o tre anni più di me. Mi è piaciuto molto il gioco giocato, che non era basato su calcio e fretta. Sono arrivato proprio mentre il club era stato appena acquisito da investitori degli Emirati Arabi Uniti. Molti dei giovani giocatori reclutati provenivano da tutta Europa. C’erano dei belgi, un lussemburghese, un serbo, un portoghese… Mi sono ritrovato in mezzo a grandi ragazzi, quando ero lontano dall’aver finito la mia crescita. Ho dovuto fare violenza a me stesso, soprattutto in sala pesi. Ci sono stato solo sei mesi, anche se sarebbe dovuto durare di più. È stato un periodo molto gratificante, durante il quale ho potuto migliorare il mio inglese. I miei cari e io abbiamo bei ricordi di questa esperienza».

PSG«Conoscevo già la maggior parte dei miei nuovi compagni di squadra. Inoltre, avevo partecipato al torneo di Mougins con il PSG, prima di partire per l’Inghilterra. Quando sono tornato al PSG, i giocatori erano quasi tutti uguali. Ci siamo subito accordati. Tutti sapevano che stavo andando al club, hanno reso più facile la mia integrazione. Non è come se fossi un giovane straniero arrivato a Parigi, senza conoscere la mentalità parigina. Tuttavia, ho ancora subito litigato con Mike (Maignan), con il quale ho stretto una vera amicizia in seguito. Non ho mai provato a farmi passare per qualcun altro. Molte persone stigmatizzano il centro di allenamento del PSG, ma da parte mia sono sempre andato d’accordo con tutti. La mia scelta verso il PSG è stata fatta prima dell’arrivo dei nuovi proprietari. Ho avuto un impegno con il club per un anno. Certo, i giovani non giocavano regolarmente nei professionisti, avrei potuto firmare anche per qualsiasi altro club, ma avevo in mente una linea retta chiara. Ognuno ha il proprio progetto e la propria determinazione».

CONSIGLI«A volte puoi concederti un McDonald’s o un panino greco, ma devi stare attento a seguire i consigli. Le uscite per andare al cinema o per vedere le amiche sono finite. Durante le vacanze possiamo rilassarci, ma il resto del tempo siamo concentrati sul calcio. A volte ero frustrato quando vedevo mio fratello uscire e divertirsi con i suoi amici, era normale … Ma dovevo essere in linea con le mie motivazioni».

FORZA MENTALE«Fin da quando ero piccolo, l’ho sempre avuta in me. La mia passione per il calcio si è rapidamente trasformata in obiettivi da raggiungere. Ho sempre attribuito grande importanza all’allenamento per fare bene le partite. Mia madre mi ha sempre detto che è raro vederlo in un bambino. Dall’età di 6 anni ho detto con determinazione che volevo fare il calciatore. Era sempre molto sorpresa da questo. Non c’è una spiegazione razionale, ci viene naturale. Niente potrà mai interferire con la mia passione per il calcio. Il mio obiettivo è sempre stato quello di giocare con la migliore squadra. Ho operato con quella mentalità per raggiungere il livello più alto».

STADI VUOTI «Fa schifo! Ha chiaramente un impatto sulle partite, sulle competizioni. Quando ci sono 40.000 o 50.000 spettatori, sai perché sei lì. Lì, sembra di giocare a partite di allenamento. La motivazione non è allo stesso livello del solito, perché non è affatto la stessa adrenalina. Dobbiamo giocare davanti ai nostri tifosi, ci siamo abituati e ne abbiamo bisogno. Il pubblico può aiutare una squadra a superare se stessa in tempi che possono essere difficili. Quando una squadra è sotto pressione o è mentalmente influenzata, i suoi sostenitori possono consentire loro di raddoppiare gli sforzi per ottenere un risultato positivo».

MUSCOLI «Rassicuro tutti, non prendo nessun prodotto illegale! È vero che mi viene regolarmente segnalato che ho guadagnato massa muscolare. Questo è il risultato del modo in cui lavorano alla Juventus. Tuttavia, non lavoro specificamente più di altri giocatori di sala pesi. Penso che abbia più a che fare con gli esercizi fatti in campo durante il pre-campionato e durante la stagione, oltre che con uno stile di vita sano».

Continua a leggere
Advertisement