«Ronaldo non ci manca»: il Real Madrid non segna da 360 minuti

Real Madrid in crisi nera: terzo ko nelle ultime quattro gare e zero gol nelle ultime sei ore di gioco. E pensare che: «Ronaldo non ci manca»

«Ronaldo non ci manca». Parola più parola meno, è questa la frase che meglio riassume la linea mediatica adottata in Casa Blanca dopo il roboante addio di CR7. Una sorta di mantra ripetuto alla nausea da qualsiasi membro del club più titolato a livello internazionale. Un modo per esorcizzare il fantasma del cinque volte Pallone d’Oro che, tuttavia, è tornato bussare alla porta della camera da letto di Florentino Perez. Per tormentarne le notti insonni.

No Ronaldo, no party: a Madrid è sparito il gol

Nell’ordine Siviglia (0-3), Atletico Madrid (0-0), CSKA Mosca (0-1), Alavés (0-1). Nelle ultime quattro partite un solo punto conquistato e zero gol realizzati. Il Real Madrid è ufficialmente in crisi, nera. Checché ne dica Lopetegui (in Spagna, tra l’altro, si comincia a parlare insistentemente di esonero), logicamente chiamato al diplomatico spegnimento di un fuoco ormai divampante. Dopo un inizio di stagione affrontato con il pilota automatico e la buona verve offensiva di Benzema, le Merengues paiono aver completamente smarrito la bussola. L’assenza del portoghese inizia a pesare come un macigno sulle spalle di Ramos e compagni, privati dell’insaziabile fame di gol e dell’enorme carisma del giocatore più decisivo del pianeta. Così mentre CR7 era impegnato a festeggiare la decima vittoria, arricchita da una sua perla, in altrettante gare con la Juve, nella capitale spagnola si strappavano i capelli per il gol last minute dell’Alavés.

E quei cori del Bernabeu…

Eppure a Madrid continuano a sembrare testardi, quasi cocciuti nel negare l’evidenza. Perché, nonostante tutto: «il Pallone d’Oro deve vincerlo Modric». O, come diceva Isco qualche tempo fa: «Di Ronaldo se ne fa a mano, ora a Madrid segniamo in tanti». In realtà è esattamene il contrario. Intanto al Bernabeu, nelle ultime settimane, sono tornati a risuonare i cori dedicati al 7 di Funchal. La piazza, quella sì, avverte e ammette la lancinante assenza di Cristiano, rimpianto costante e invincibile del popolo madridista. Incubo di Florentino.

Articolo precedente
pedonePedone: «Impariamo dalla sconfitta, ci è mancata qualità» – VIDEO
Prossimo articolo
Juventus Sassuolo Under 17 0-1: Oddei punisce i bianconeri di Pedone