Connettiti con noi

Hanno Detto

Rinnovo Dybala, il giornalista non ha dubbi: «Lui non può andare oltre»

Pubblicato

su

Il giornalista Fabio Tavelli ha analizzato la questione del rinnovo di Dybala con la Juve. Le dichiarazioni

Fabio Tavelli, giornalista di Sky Sport, ha analizzato a Sky Sport 24 la questione del rinnovo di Dybala con la Juve.

RINNOVO DYBALA – «Parole chiare di Arrivabene, non c’è bisogno di interpretarle. Da quando ha parlato in modo così fermo, la Juve ha lo stesso passo dell’Inter. Forse parole così chiare possono aver sortito effetto. Comunque se numero il 10 della Juve se fa gol contro l’Udinese non è un atto dovuto e non fa notizia. L’atteggiamento di Dybala è stato un po’ pittoresco e ha ricordato quello che ebbe Trezeguet nel campionato 2006-2007 che fu più sgradevole. E’ legittimo che la Juve ci stia ripensando. Trovo impossibile che un appartenente ad un’azienda non si renda conto di quelle che sono le condizioni del mercato in generale e dello stato di salute della sua azienda. Il combinato disposto di queste valutazioni fa anche il tuo valore. Se l’azienda ha fatto un aumento capitale da 400 milioni ed è in una situazione di ripensamento, quando vai a trattare devi sapere che c’è confine dove non puoi andare oltre. Questa situazione fa capire che si è in un momento fondamentale di passaggio in cui le aziende si rimettono al centro del ring»

VOLONTA’ – «Io penso che entrambi parti vogliono accordo, ma non basta. Il dipendente deve fare gol non solo all’Udinese. Se fa gol al Milan e porta la Juve ai quarti di Champions, ha forza contrattuale superiore. Tutto parte da una dimostrazione necessaria sul campo. Il giocatore è di chiaro talento, ma il valore internazionale è diverso, fa meno la differenza anche se ha avuto lampi importanti. Tante volte per sua sfortuna ha avuto problemi fisici e muscolari. Se l’accordo sarà fatto sarà fatto perché non c’è tutta questa corsa per prenderlo. Se però la Juve perde un giocatore così a zero e rinforza un’avversaria non può essere contenta. E’ comunque legittimo per Juve pensare ad un rinnovo meno lungo e con meno soldi invece che avere questa zavorra per 5 anni».