Sorrentino su Szczesny: «È un rischio ma il gioco vale la candela»

© foto www.imagephotoagency.it

Sorrentino su Szczesny: «È un rischio ma il gioco vale la candela». Così l’estremo difensore sull’estremo portiere polacco

Stefano Sorrentino parla a La Gazzetta dello Sport della nuova interpretazione del ruolo di portiere di Wojciech Szczesny con Andrea Pirlo.

Le sue parole: «Lo scopo è la superiorità numerica. Molte squadre difendono uno contro uno a tutto campo: significa che i 10 giocatori di movimento sono tutti marcati. Se il portiere diventa un libero, si crea un vantaggio e si guadagna un tempo di gioco. Tutti devono essere bravi con i piedi ma alla Juve non c’è problema. È un rischio, ma il gioco vale la candela».

MIGLIORI PORTIERI COI PIEDI – «Nell’ultimo campionato mi ha stupito Handanovic: non aveva mai giocato tanto coi piedi. Ospina del Napoli è molto bravo, come Consigli e Perin. In passato, tra i tanti cito Viviano e Julio Cesar, piedi educati».

LEGGI ANCHE: Ultimissime Juve 30 settembre: le notizie delle ore 9.00

Condividi