Connettiti con noi

Hanno Detto

Soulé: «Vogliamo qualificarci da primi o secondi. Bonatti e la Juve: dico tutto»

Pubblicato

su

Matias Soulé, attaccante della Juve Primavera, ha rilasciato un’intervista. Le sue parole sulla stagione in Under 19

Ai microfoni di Juventus TV, Matias Soulé ha rilasciato un’intervista. Le parole dell’attaccante della Juve Primavera, alla vigilia del derby con il Torino.

SPAL – «È stata una partita molto complicata, loro erano forti e troppo aggressivi. Abbiamo avuto qualche occasione nei primi minuti ma loro avevano più gamba, non abbiamo giocato la miglior partita di questo campionato. È stata una brutta prestazione».

BILANCIO PERSONALE – «Molto bene. Sto facendo quasi tutti i minuti per fortuna, l’anno scorso ho avuto qualche problema di infortunio dopo la pandemia. Ora sto bene fisicamente, posso fare di più e stare a un livello più alto».

DERBY COL TORINO«È una partita speciale il derby. Dobbiamo essere perfetti. Abbiamo l’obiettivo di qualificarci primi o secondi. Vogliamo vincere queste due partite che sono due finali».

PARTITA«È bella da giocare, in Argentina tutti i derby sono speciali. Serve una partita perfetta per vincere e stare su».

CALCIO ITALIANO«È molto diverso. Qui ho imparato tanto tatticamente, rispetto all’Argentina. È cambiata anche la fase difensiva, che qui faccio tanto. È un calcio ottimo».

SCARAMANZIA PRE PARTITA«Ascolto la musica – rock argentino – nel pullman quando siamo in convitto. Resto concentrato».

PUNIZIONI«Le tiravo molto. Il primo gol è stato con la Roma, poi ho segnato anche con la Sampdoria e da lì ho preso la mano. Ci alleniamo molto il giorno prima della partita su questo. Allenarsi mi fa avere più fiducia per calciare».

BONATTI – «È stato molto importante. È un allenatore molto buono e sa tanto di calcio. Vive il calcio e questo ci porta motivazione e ci fa stare concentrati».

RAPPORTO COI COMPAGNI«Siamo una squadra molto legata, siamo vicini, abbiamo comunicazione. Con Enzo (Barrenechea) siamo “hermanos”, ma anche con Chibo (Chibozo), con Iling. Abbiamo fatta amicizia. Faccio il mio in bocca al lupo ad Enzo e a Fiumanò per rientrare pronti».