Spinazzola, slinding doors Juve: addio a Asamoah o Lichtsteiner

genoa-juventus
© foto Massimo Pinca

Spinazzola vuole tornare a Torino, si scalda l’asse con Bergamo. Il suo arrivo sblocca la cessione di Asamoah o Lichtsteiner

Leonardo Spinazzola ha lanciato il suo segnale forte. Il giocatore era stato convocato per l’amichevole contro il Valencia, ma ha deciso di non partire (LEGGI QUI). Un modo per far capire a tutti la sua volontà. Si scalda dunque l’asse Torino-Bergamo e prima di Ferragosto potrebbe esserci la fumata bianca, con l’Atalanta ormai rassegnata a perdere il giocatore un anno in anticipo. Spinazzola è infatti di proprietà Juve e il prestito con l’Atalanta scadrà nel 2018. Almeno sulla carta.

L’arrivo del terzino classe ’93 sblocca il fronte cessione. In questo momento il borsino della quotazioni dà in uscita più Asamoah che Lichtsteiner. Motivo numero uno: il ghanese è sceso nelle gerarchie di Allegri a semplice rincalzo di Alex Sandro, mentre Lichtsteiner si sta ancora giocando le sue carte con De Sciglio per un posto da titolare. Almeno così sarà per la finale di Supercoppa. Motivo numero due: “Asa” ha già un accordo di massima col Galatasaray per un ricavo della Juve di circa 7 milioni di euro. Non male per un giocatore che va in scadenza nel 2018.

Certo che anagraficamente Lichtsteiner dà meno garanzie. Inoltre Spinazzola è un destro naturale, anche se può giocare anche sulla sinistra (fascia di competenza di Alex Sandro-Asamoah). Certo è che fino a che non arriverà, nessuno dei terzini avrà il via libera per muoversi.

Articolo precedente
felipe andersonSupercoppa, Lazio senza Felipe Anderson: il brasiliano non si è allenato
Prossimo articolo
schickSchick se ne andrà dalla Samp, ma la Juve si defila