Tedesco: «McKennie voleva giocare per il miglior club al mondo»

© foto Juventus.com

Tedesco: «McKennie voleva giocare per il miglior club al mondo». Le dichiarazioni dell’ex tecnico del centrocampista statunitese

Domenico Tedesco, ex allenatore di Weston McKennie allo Schalke 04, è stato intervistato da Tuttosport sul ragazzo appena acquistato dalla Juve.

AMBIZIONI – «Weston è un ragazzo molto ambizioso. È già quando lo allenavo io allo Schalke, nel 2017-18, aveva un obbiettivo chiaro in tesa: giocare per il miglior club possibile. La Juventus è una delle migliori squadre al mondo. Però un salto di questo genere era difficile da pianificare uno-due anni fa perché nel calcio tutto cambia velocemente. Sono davvero felice per Weston, gli auguro il meglio per la sua avventura a Torino».

PARAGONI – «Sinceramente non mi piacciono molo i confronti perché ogni giocatore ha i propri punti di forza, la propria personalità e un determinato stile di gioco. McKennie è McKennie».

RUOLO – «Weston è molto duttile. Può giocare da numero 6 o da 8. E se serve, può agire anche terzino destro o difensore centrale. Ma penso che i meglio di sé lo garantisca da 8, da centrocampista a tutto campo. Weston è veloce, ha buona tecnica ed è molto abile nel pressing. Possiede anche un ottimo colpo di testa. Ma prima di tutto, ha un’altra qualità: non si arrende mai. È uno che dà il cento per cent in ogni situazione».

PIRLO – «È stato uno dei migliori giocatori della storia e tutti hanno visto quanto era geniale nel dirigere il gioco in mezzo al campo. Sono certo che diventerà anche un allenatore favoloso».

LEGGI ANCHE: Numeri di maglia Juventus 2020/21: quali sono, l’elenco completo

Condividi