Valenti: «Con forza contro l’Empoli. Sarebbe bello se la tribuna fosse piena»

Giovanni Valenti
© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Valenti, allenatore della Juventus Under 15, ha rilasciato un’intervista pochi giorni prima del playoff contro l’Empoli

La Juventus Under 15 scenderà in campo domenica mattina nel primo turno dei playoff contro l’Empoli. A parlare di questo impegno è stato l’allenatore bianconero, Giovanni Valenti, ai microfoni di Juventus TV. Di seguito riportate le sue parole.

BILANCIO STAGIONALE – «È stata una stagione positiva e molto ricca perché molte dinamiche cambiano. La capacità di gestire un’annata particolare si gestisce strada facendo. Tanti giocatori sono arrivati da fuori regione, lontani per la prima volta dalle loro famiglie per cui sentono il salto nel primo campionato competitivo a cui si ambisce a qualcosa di importante. È stato arricchente anche per me perché se devo diventare un allenatore migliore devo provare a confrontarmi  con colleghi che quando affrontano la Juve preparano bene la partita facendo anche un po’ di strategia. Grazie alle difficoltà che ci fanno incontrare mi arricchiscono molto».

MIGLIORAMENTI – «L’obiettivo è individuale, cioè il miglioramento del singolo ma anche nelle abilità di relazionarsi con i compagni e imparare a giocare in un contesto collettivo. Nel settore giovanile il gioco di possesso e di controllo di palla può permettere ai singoli giocatori, sopratuttto quelli più qualitativi, di mettere in mostra le proprie qualità».

ASPETTI SU CUI LAVORARE – «Il processo è stato difficile, e l’aspetto principale era quello educativo e comportamentale. È stato un lavoro che ha permesso di vedere grandi miglioramenti, anche dal punto di vista dell’approccio al lavoro. L’allenamento è sacro, perché permette di realizzare il proprio sogno. È difficile oggettivarli questi miglioramenti, però soggettivamente mi sento di evidenziarli. I risultati sono migliorati comunque».

L’AMBIENTE JUVE – «È un’opportunità fantastica che mi dà il club. Se si riescono a oliare bene i meccanismi, si crea una sinergia che permette di raggiungere ottimi risultati».

LA CHIAVE DI SVOLTA – «È stato difficile perché purtroppo un po’ per sfortuna abbiamo avuto numerosi infortuni però il ritorno ci ha visto imbattutti. Io penso che la partita con la Fiorentina a Firenze in cui perdevamo 2-0 e abbiamo rimontato è stata una soddisfazione. La svolta per dire chi dovevamo essere era contro la Lazio in casa dove abbiamo vinto 2-0»

L’EMPOLI – «Squadra forte. All’andata abbiamo perso per episodi negativi, al ritorno è finita con una vittoria per 3-2. Arriviamo pronti alla partita e penso che i ragazzi abbiano consapevolezza del percorso fatto. Bisogna giocare con forza e determinazione e far valere la tecnica dei ragazzi. Dobbiamo divertirci il più possibile, perché è la partita più importante dell’anno».

MESSAGGIO AI TIFOSI – «Sarebbe bello se la tribuna fosse piena. L’altro grande vantaggio è che le strutture nostre ci permettono di giocare in dimensione adeguate per la categoria».