Zauli: «Felicissimo di essere tra i ragazzi, la Juventus U23 è ottimista»

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Zauli: «Felicissimo di essere tra i ragazzi, la Juventus U23 è ottimista». Le dichiarazioni del tecnico verso la Pistoiese

Lamberto Zauli, tecnico della Juventus U23, è stato intervistato da Juventus TV verso la partita con la Pistoiese.

SENSAZIONI RITORNO – «L’ho detto ai ragazzi durante i video su Skype che facevo da casa e glielo ho ripetuto nel discorso pre partita prima del Novara. Ero felicissimo di stare in mezzo a loro, di rivivere quelle emozioni e glielo ho trasmesso immediatamente. Rispetto al primo lockdown il mondo stava andando avanti e quindi avevo grande voglia di ricominciare. Mi sto godendo la quotidianità e la squadra, stanno rientrando tanti ragazzi. Speriamo ora di metterci a posto per questo campionato».

COME STA LA SQUADRA – «Dobbiamo sempre essere ottimisti, dare ai ragazzi sicurezza, autostima, coraggio. Questi sono i messaggi che cerco di mandare giorno per giorno. Saranno poi le partite a dirci cosa migliorare e dove siamo migliorati. Guardiamo partita dopo partita, è un percorso che siamo contenti di fare. Al di là delle difficoltà del Covid ci sono stati tanti aspetti positivi. Hanno giocato molti ragazzi che ho allenato io l’anno scorso in Primavera. Hanno avuto le loro difficoltà, sono cresciuti, hanno fatto ottime prestazioni in un campionato difficile. Ci piace cavalcare questo più che sottolineare le difficoltà che tutto il mondo sta vivendo».

PISTOIESE – «Hanno il giusto mix di giovani e giocatori esperti. Abbiamo visto che le partite si giocano sugli episodi, dovremo affrontarla bene cercando di avere al risultato tramite il gioco. È una gara importante per la classifica ma anche per la crescita dei ragazzi».

CICLO – «Do per scontato che i ragazzi diano sempre il 100%. Abbiamo fatto tante partite con pochissimi giocatori, i ragazzi della Primavera ci hanno dato una mano diventando protagonisti di questa squadra. E come ho detto prima molti giocatori stanno rientrando. Starà a me cercare di allenarli nel modo migliore per affrontare più partite in settimana».

PUNTI PERSI – «Dobbiamo essere più concreti. A Novara meritavamo di passare in vantaggio alla fine del primo tempo. La partita sarebbe potuta cambiare, anche se è stata una buona prestazione. Ma non possiamo mai essere contenti, bisogna abbinare ottime prove a buoni risultati. Quando la squadra merita deve raccogliere».

MIRKO CONTE – «Quando a una squadra manca il primo allenatore, a prescindere da chi esso sia, è un’assenza importante. Io ho grandissima empatia, feeling e rispetto con Conte. Noi preparavamo insieme partite ed allenamenti a distanza, c’era grande coerenza tra i nostri pensieri. Poi Mirko da uomo di calcio e ragazzo intelligente si è comportato nel migliore dei modi, rispettando i ruoli e facendosi rispettare dai ragazzi. Sono stati bravissimi anche loro a capire il momento e a remare dalla stessa parte».

LEGGI ANCHE: Capellini: «Juventus U23-Pistoiese sarà emozionante per me» – VIDEO

Condividi