Connettiti con noi

Hanno Detto

Zoff: «Al calcio di oggi mancano tanti valori, non c’è rispetto per l’avversario»

Pubblicato

su

Zoff: «Al calcio di oggi mancano tanti valori, non c’è rispetto per l’avversario» ha dichiarato l’ex portiere della Juve

Dino Zoff, leggenda della Juventus e dell’Italia, ha rilasciato una lunga intervista a Tv2000. Di seguito le sue parole.

FAMIGLIA – «I miei genitori certamente erano orgogliosi, ma sempre preoccupati che dovessi fare le cose per bene. Era una regola. Ogni tanto mi seguivano, però sempre con un certo distacco, non c’era questa pressione. Non c’erano procuratori una volta e si gestiva l’ingaggio personalmente con il presidente. Quando dall’Udinese son passato al Mantova, mio padre disse; vai da solo, impara a vivere. Lui aveva esperienza di tanti anni di guerra. Mia madre era perfetta in tutto, molto dolce, anche se poche coccole, aveva molto da lavorare».

CALCIO DI OGGI -​ «Mancano delle cose importanti che valgono per tutte le generazioni: il comportamento, l’educazione, la visione del prossimo, la dignità, il rispetto per l’avversario. Sono cose che dovrebbero esserci sempre. Dopo aver fatto un gol generalmente mi capitava di non esultare oltre il limite per rispetto degli avversari. Le esultanze? Le cose studiate prima non mi piacciono. Dopo un gol va bene esultare ma un balletto studiato prima della partita non mi piace. Non c’è rispetto dell’avversario. Va bene l’esultanza, ma il balletto no».