Connettiti con noi

Hanno Detto

Cabrini: «Scirea aveva una grande capacità. Ecco qual era la forza di Pablito»

Pubblicato

su

Antonio Cabrini, ex giocatore bianconero, ha parlato di alcuni ex compagni alla Juve: da Scirea a Rossi, le sue parole

Intervenuto sul canale Twitch della Juve, Cabrini ha parlato dei suoi ex compagni in bianconero: da Scirea a Rossi, le sue parole.

PLATINI «Verso un compagno di squadra, ovvero Laudrup, lo prendeva da parte e gli diceva che se avesse avuto le sue qualità tecniche sarebbe stato il più grande calciatore del mondo. E Laudrup in allenamento faceva delle cose spaventose solo che aveva poca cattiveria e in alcune gare si estraniava dal gioco».

SCIREA «Non aveva bisogno di parlare in campo, lui ti guardava e tu capivi subito quello che voleva dirti. Aveva questa grande capacità. In campo era così mentre fuori dal campo era una sagoma, gli piaceva divertirsi, era meraviglioso e si prendevano tanto in giro con Luciano Bodini».

PAOLO ROSSI «Paolo aveva sempre quel sorriso stampato in faccia, meraviglioso caratterialmente con la predisposizione a risolvere i problemi di tutti. Nascondeva i suoi disagi, sia fisici o la squalifica ad esempio. Li nascondeva con il sorriso, questa la sua grande forza».