Connettiti con noi

Hanno Detto

Dragusin si racconta: «Pirlo, Bonucci, Chiellini e De Ligt. Vi dico tutto»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Radu Dragusin, difensore della Sampdoria in prestito dalla Juve, ha ripercorso alcune tappe in bianconero. Le parole

Radu Dragusin, difensore della Sampdoria in prestito dalla Juventus, ai microfoni di playsport.ro, ha speso parole di stima nei confronti di Andrea Pirlo, che lo fece debuttare in prima squadra.

ESORDIO«Gli sarò sempre grato per aver creduto così tanto in me. Mi ha dato l’opportunità di provare il calcio, quello dei grandi. È una persona incredibile, un ex calciatore con anni ad altissimo livello. Sappiamo cosa significa Pirlo per l’Italia, per il pianeta intero. Un gentiluomo, ha un carattere molto elegante. Non l’ho mai visto urlare come fanno gli altri tecnici. Il suo modo di parlare calmo era ciò che ti caricava positivamente. Ed è curioso che mi abbia fatto debuttare alla Juventus proprio contro la Dinamo Kiev, la squadra allenata da Lucescu, suo maestro fin dalla giovinezza. Una felice coincidenza».

DIFENSORI – «C’è tantissimo da imparare da Chiellini e Bonucci. Se dovessi scegliere un loro consiglio sarebbe quello di tenere i piedi per terra. Bonucci è il direttore della difesa, quasi un trequartista, da lui vengono tanti palloni. Ha una visione incredibile del gioco. Chiellini è un guerriero, anche se non ne ha l’aspetto. Osservalo da vicino durante le partite e scoprirai la fame con cui si difende. Ma dopo le partite, diventa la persona più ‘calorosa’ possibile. È il capitano della Juve, l’uomo che raccoglie tutti intorno a sé. Vorrei diventare metà Bonucci e metà Chiellini! De Ligt? Una bestia! Nonostante sia molto sviluppato fisicamente, ha una velocità incredibile. Un atleta perfetto!».