Dybala, quali sono i sacrifici da fare nella vita privata?

dybala
© foto www.imagephotoagency.it

La stoccata di Nedved scuote l’ambiente Juve: «Dybala? Deve fare sacrifici anche nella vita privata». Tra Antonella e sponsor, ecco come vive la Joya

Il caso ricorda molto quello di Higuain ad inizio anno. Allegri l’ha ripetuto più volte come fisiologico un calo dopo l’inizio choc a suon di gol. Dybala però è stato continuamente spinto e stuzzicato negli ultimi tempi in conferenza stampa dal suo mister. In più è arrivato anche il corrispettivo trattamento sul campo: panchina nel big match contro l’Inter. Una notizia che ricorda da vicino la cura per il connazionale Higuain. Che infatti contro l’Olympiacos si riprese a suon di gol.

Poi sono arrivate le parole di Pavel Nedved post-sorteggio di Nyon. «A 24 anni è normale che abbia degli alti e bassi. La società naturalmente gli è sempre vicino. Gli consiglio di fare più sacrifici, anche nella vita privata, per fare davvero il calciatore». Parole che comunque suonano molto dure, specie in un ambiente protetto come quello bianconero dove i panni sporchi si lavano in famiglia. Sommate anche all’intervista precedente dello stesso Dybala a Vanity Fair. «I calciatori senza pallone spesso sono uomini molto soli». Ecco che il polverone è servito.

Il ritorno (?) di fiamma con Antonella, i ritiro con la Nazionale e il fratello procuratore: ecco la vita privata di Dybala

Ma a cosa si riferisce Pavel Nedved? Paulo in questo periodo sta riallacciando i rapporti con la storica fidanzata Antonella, con cui si era “mollato” ad inizio estate. Questo potrebbe essere fonte di serenità ed è generalmente ben visto dalle società. In quanto tendenzialmente non si cercano distrazioni altrove. La bella argentina è attesa a Torino per Natale, ma anche questo naturalmente rimane nella sfera della privacy. Sotto la lente di ingrandimento ci sono pure i ritiri con la nazionale, specie quello post qualificazione mondiale quando la Joya, distrutto dal jet leg, fu mandato prima a casa dall’allenamento per riposare e poi inizialmente in panchina nella gara contro la Lazio. Con tanto di rigore sbagliato, poi, a 90′ inoltrato.

Ai problemi si aggiungono la bagarre con l’ex procuratore per la questione della sponsorizzazione. Dybala ha infatti deciso di far curare i suoi interessi esclusivamente dal fratello. Ma questa questione era già ben presente nel periodo boom ad inizio anno. Per cui ora ci si aspetta solo più la risposta sul campo. Uomo avvisato (da Nedved), mezzo salvato.