Girelli: «Si dovrebbe seguire l’esempio della Juve sul calcio femminile»

© foto www.imagephotoagency.it

Cristiana Girelli parla del movimento del calcio femminile in Italia: le dichiarazioni della giocatrice

È stata una stagione emozionante per Cristiana Girelli, che ha vinto scudetto e Coppa Italia e tra poco meno di un mese giocherà il Mondiale. L’attaccante ha parlato del movimento del calcio italiano a Cosmopolitan.

CALCIO FEMMINILE – «Da piccola ho vissuto la mia passione verso questo sport con assoluta tranquillità, forte del sostegno costante dei miei genitori e anche di un ambiente che mi rispettava al 100%Non mi sono mai sentita fuori luogo né “diversa”, solo una ragazzina con la stessa voglia di giocare a calcio che avevano i miei amici maschi. Io e le mie colleghe cominciamo a vedere i primi risultati ma siamo ancora distanti dai livelli di altre nazioni che hanno iniziato a raccontare prima dell’Italia le sfide del calcio al femminile e ad investire sulle calciatrici, portandosi avanti in termini di organizzazione e strutture. Penso che tante squadre professionistiche debbano seguire l’esempio di Juventus, Fiorentina, Milan e altre società, iniziando ad investire sul calcio femminile e mettendo a disposizione gli stessi strumenti che hanno i nostri colleghi uomini».

CONSIGLI – «Ad una ragazzina che vuole giocare a calcio consiglio di inseguire sempre i propri sogni fino a quando riesce a renderli realtà. Difficoltà ed ostacoli, quali magari i pregiudizi, s’incontrarono sempre: sta a noi decidere come reagire ogni qual volta si presentano. Divertimento, impegno e costanza sono tre principi che ti possono portare in alto e che, alla fine, portano a tante soddisfazioni, sul campo e fuori».