Juve, nuovi titolari nascono: Napoli, Atene e Inter valgono tutto

© foto www.imagephotoagency.it

Juve, Allegri deve uscire con quattro punti e la qualificazione nei quindici giorni più importanti: l’editoriale del nostro Paolo Oggioni

Archiviata senza grossi problemi la pratica Crotone, la Juventus entra nei quindici giorni più importanti di questa prima parte di stagione. Le trasferte di Napoli e Atene e la sfida interna contro l’Inter dovranno dare le prime risposte vere dopo cinque mesi di lavoro. Uscire con almeno quattro punti e la qualificazione agli ottavi di Champions da questo trittico di partite sarebbe l’ideale per preparare al meglio il mese che precederà la sosta. Dare un segnale di forza alle rivali negli scontri diretti, dopo lo stop con la Lazio, è fondamentale quanto fare punti.

La calma e il lavoro di Allegri sono delle buone garanzie, ma è chiaro che un risultato negativo a Napoli non sarebbe un buon viatico per la delicata trasferta di Atene, oltre a spingere la Juve a meno sette dalla vetta. Con il Crotone si sono viste cose interessanti da Douglas Costa, sempre più dentro la squadra, da Howedes, probabile futuro titolare della difesa, e da Marchisio, in fase di crescita dopo i tanti problemi fisici. Al San Paolo non ci sarà Higuain, ma c’è la speranza di recuperare Cuadrado e Chiellini e non è escluso che Allegri possa andare a giocarsela a specchio, per sfruttare gli spazi che il Napoli potrebbe aprire, sospinto dall’entusiasmo di uno stadio che aspetta questa partita da diversi mesi, per ribaltare le gerarchie e continuare ad alimentare il sogno scudetto.

PAOLO OGGIONI