Juve Primavera, Garofani: «Con l’Empoli per mostrare la maturità»

© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Garofani, portiere della Juventus Primavera, parla del suo percorso di crescita e della stagione appena iniziata

Giovanni Garofani è un veterano in casa Juve. Il portiere classe 2002, agli ordini di Andrea Bonatti in Primavera, ha fatto tutta la trafila delle giovanili. Ecco le sue parole rilasciate a Juventus TV.

PERCORSO«Questa è la mia quinta stagione alla Juventus, ho iniziato in Under 15 sotto la corte di mister Bovo. Lo ricordo bene perchè ha intrapreso con noi un percorso sia umano che calcistico. Se penso alla prima stagione ho un ricordo di sentimenti forti. La seconda stagione in Under 16, dopo la prima in Under 15 che non è stata ottimale per me, mi sono trovato molto bene con mister Barone perchè ho acquisito molta consapevolezza, ho trovato delle certezze in più. Anche in campo è andata bene, abbiamo conquistato la finale, una gara complicata che è rimasta sul groppone, con il 3-0 subito dall’Inter. Poi l’Under 17 con mister Pedone, un’annata di maturità in cui ci sono stati degli alti e bassi legati anche ad alcuni aspetti fisici, ma in cui mi sono sentito sempre a casa. Sono stati tre anni di crescita e tutto lo staff che mi circondava è sempre stato grandioso».

ZAULI «La prima stagione in Primavera è stata complessa perchè ho dovuto incanalare tutte le qualità tecniche trasmesse da mister Baroncini in un gioco con velocità più elevate. Mister Zauli ha capito il momento di adattamento, anzi ha fatto di tutto per farmi sentire a mio agio. Un momento per comprendere le mie capacità e i punti di forza».

LA STAGIONE«Quest’anno è importante, un anno che sento mio. Posso finalmente dopo questo enorme percorso esprimere le mie emozioni ed incanalarle nel campo. E’ stato un inizio importante in cui ci siamo guardati negli occhi e confrontati. Ci sono tanti 2003 che sono saliti dall’Under 17 catapultati in un mondo in cui ci sono più riflettori, ma sono stati bravissimi coadiuvati da noi più grandi e dai fuori quota. Questo inizio è stato facilitato da mister Bonatti il quale ci ha mostrato subito grande franchezza e ci ha trasmesso grande fiducia. Ci sentiamo invogliati a continuare in questo modo, come contro l’Atalanta».

CONTRO L’EMPOLI – «La prossima partita con l’Empoli sarà una gara in cui dobbiamo dimostrare di saper mantenere la giusta tensione, la giusta maturità. Se rispetteremo le indicazioni del mister, mantenendo la giusta concentrazione, sono sicuro che faremo un’ottima partita».

Condividi