Connettiti con noi

News

Juventus mal di gol? Decimo attacco della Serie A: così la panchina aiuta Allegri

Pubblicato

su

Juventus mal di gol? Decimo attacco della Serie A: così la panchina aiuta Allegri a ribaltare questo dato negativo

Mal di gol per la Juventus? Lo dice la fredda, distaccata realtà dei numeri: 38 reti in Serie A per la squadra di Allegri. Decimo attacco quello della Juve al pari dell’Empoli: davanti Inter (55), Lazio (53), Milan (52), Verona (49), Napoli (47), Atalanta (46), Fiorentina e Roma (44), Sassuolo (43). «Perché segniamo così poco? A saperlo sarebbe risolvibile velocemente…ha detto Allegri nella conferenza stampa di vigilia di Empoli Juve -. Bisogna essere più lucidi e capire quando uccidere l’avversario. In Spagna abbiamo sbagliato molte scelte di passaggio, ci sono state situazioni favorevoli dentro l’area che abbiamo sfruttato poco. Con più lucidità potevamo segnare di più, ma è una cosa che va migliorata perché se commetti un errore puoi prendere gol». Come risolvere, dunque, questo problema?

Una soluzione può arrivare dalla panchina. È mancato, infatti, in più di un’occasione l’apporto dei giocatori subentrati per Allegri: su 47 punti totali conquistati, solamente 7 portano la firma di chi è entrato a partita in corso. 1 da Paulo Dybala nell’1-1 contro l’Inter del 24 ottobre, 3 da Juan Cuadrado contro la Fiorentina nell’1-0 del 6 novembre; 3 da Dejan Kulusevski nella rimonta 4-3 all’Olimpico contro la Roma il 9 gennaio. Altri due gol, solamente, da subentranti: Alvaro Morata contro la Salernitana il 30 novembre (a risultato ormai consolidato) e Weston McKennie contro il Verona il 30 ottobre (che non portò punti ai bianconeri, sconfitti 2-1). Solo 5, dunque, le marcature da calciatori entrati a partita in corso in 26 partite. Ritrovare i gol dalla panchina potrebbe essere una chiave importante per la Juventus, in modo tale da ribaltare il trend negativo legato alle reti segnate. In rarissime occasioni, infatti, i cambi dell’allenatore toscano hanno inciso in termini realizzativi nell’economia del match. Questo un possibile antidoto per risolvere il mal di gol: la ricetta è in mano ad Allegri, agitare bene prima dell’uso.