Juventus Youth, dalla Primavera alle Under: il film del 2020

Iscriviti
tongya-juve-primavera
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus Youth, dalla Primavera alle Under: il film del 2020 del settore giovanile bianconero tra vittorie, traguardi e giocatori simbolo

Si chiude un 2020 lungo, intenso, complicato per l’emergenza Covid-19, che ha cancellato per larghi tratti le stagioni della Juventus Youth. L’anno nuovo permetterà al settore giovanile bianconero di tornare in campo, con tanti importanti impegni ad attendere i ragazzi. Ecco il film del 2020, con tutti i momenti chiave che lo hanno contraddistinto.

Juve Primavera: i momenti chiave del 2020

Il 2020 ha segnato una tappa chiave per la storia della Juve Primavera: per la prima volta, infatti, l’Under 19 bianconera è arrivata a giocarsi un ottavo di finale di Youth League da prima del girone. Il risultato non le ha sorriso (3-1 contro il Real Madrid), ma la consapevolezza europea è stata il biglietto da visita per la crescita continua dei giovani guidati da Zauli. Discorso analogo in campionato: una sola sconfitta nella stagione passata a cavallo tra gennaio e febbraio (contro l’Empoli), e prestazioni da incorniciare contro Atalanta e Inter, prime classificate al termine della corsa.

Le risposte positive le ha avute anche Andrea Bonatti con la sua Primavera targata 2001/2002/2003. Quattro partite non bastano per capire dove può arrivare questa squadra, ma hanno già dato una prima indicazione: compattezza difensiva, capacità di soffrire, gruppo unito. Tre prerogative che hanno lanciato la Juventus ai successi con Empoli e Milan, al pareggio con l’Atalanta e, purtroppo, nell’unico ko contro la capolista Roma. La ripresa, il 23 gennaio, servirà ad inquadrare al meglio il percorso dei bianconeri.

Juventus Under 17: i momenti chiave del 2020

Se si dovesse rappresentare questo 2020 per il vivaio bianconero, la Juventus Under 17 di Francesco Pedone la stagione passata sarebbe l’esempio più luminoso. Un pareggio a ‘macchiare’ un cammino impeccabile costituito soltanto da vittorie, +21 punti dalla seconda, e uno Scudetto ‘sottratto’ solo dallo stop definitivo per l’emergenza Coronavirus. Mai come il campionato passato si era visto un dominio così netto da parte di una squadra nel Girone A: merito dello straordinario lavoro svolto da staff, allenatore nel forgiare i talenti del domani.

La stagione attuale, invece, ha visto l’Under 17 (sempre guidata da Pedone) disputare soltanto una partita, venendo fermata dai tanti rinvii e dalla pausa momentanea per il Covid. Il 6-2 sul campo del Parma ha dato un chiaro segnale alle pretendenti: la Juventus è partita a mille, frutto anche di un pre-campionato in cui i bianconeri hanno sollevato al cielo due trofei. L’Euro Youth Cup e la Scopigno Cup, appunto. Ripartire nel 2021 per proseguire questo cammino.

Juventus Under 16: i momenti chiave del 2020

Stesso discorso anche per la Juventus Under 16, che nella stagione passata ha consolidato la sua egemonia in classifica con Andrea Bonatti in panchina. Risultati sì (+9 il distacco dalla Lazio seconda), ma soprattutto crescita globale del gruppo. Perché la peculiarità più importante esibita da Bonatti nell’arco della stagione, è stata la sua propensione a ruotare tutti gli elementi della rosa, permettendo a tutti i calciatori di ritagliarsi uno spazio in questo 2020.

L’eredità è passata nelle mani di Piero Panzanaro in questo campionato, ma il copione è rimasto intatto: tre vittorie su tre in stagione e scettro del girone ben saldo fra le mani. Non è un caso che la Juventus sforni, anno dopo anno, talenti cristallini, capaci di adattarsi immediatamente al salto di categoria. La rimonta sul campo della Lazio è stata la fotografia più bella, in attesa di quelle che scatterà il 2021.

Juventus Under 15: i momenti chiave del 2020

Crescita minimo comune denominatore anche per la Juventus Under 15 di Corrado Grabbi. Partendo dalla passata stagione, l’upgrade di maturità mostrato tra gennaio e febbraio è stata forse la sorpresa più bella di questo 2020. Vittorie, consapevolezza, maturazione: tre elementi che hanno reso importante e prezioso il lavoro svolto dall’intero staff sui classe 2005.

L’estate ha portato una ventata di novità per l’attuale Under 15, rimpolpata nella sua rosa da parecchi nuovi acquisti. Calciatori in grado di alzare il tasso tecnico della squadra, e permettere a Grabbi di centrare il bis nei primi due impegni della stagione. Sempre in attesa di consolidare il dominio nel anno nuovo.

LEGGI ANCHE: Juventus Youth nel segno delle statistiche: tutti i numeri del 2020

Condividi