Kulusevski, genio e regolarità: testa sulle spalle e la duttilità che serve a Pirlo

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Dejan Kulusevski sembra davvero l’uomo in più di questa Juventus: la sua prestazione contro il Verona ha dato il pareggio ai bianconeri

Dejan Kulusevski si è reso protagonista di un’altra grande prestazione con la maglia della Juventus ieri sera. Il numero 44, subentrato dalla panchina, ha offerto una prova maiuscola andando in gol con una serpentina che ha ubriacato Faraoni. Il sinistro liftato alle spalle di Silvestri ha scongiurato la sconfitta ai bianconeri. Classe 2000, tanta voglia di spaccare il mondo con la faccia da bravo ragazzo ed anche i modi. Un calciatore con genio e senza sregolatezza, anche nelle sue dichiarazioni fuori dal campo, non facendo voli pindarici ma analizzando le situazioni ed esponendosi di conseguenza, rifiutando paragoni affrettati con grandi della storia della Juventus.

Kulusevski nuovo Nedved: lo svedese frena

In un’intervista a Tuttosport, Dejan Kulusevski ad agosto rifiutò il paragone con Pavel Nedved: «Io vado alla Juve per aiutare la squadra. Sono consapevole che per ripagare la fiducia nel prendermi dovrò lavorare molto e avere pazienza e imparare tanto da compagni e staff. Il paragone con Nedved mi lusinga. Oltre ad averlo conosciuto di persona, ho visto alcuni dvd su di lui: era davvero forte. Forse un po’ gli somiglio nella facilità di corsa abbinata alla tecnica». Un modello a cui guardare dunque, a cui ispirarsi per compiere una carriera vicina a quella della Furia Ceca che nel 2003 conquistò il Pallone D’Oro con la maglia della Juventus.

Ruolo Kulusesvki

Dejan Kulusevski ha anche mostrato una grande duttilità tattica nelle prime uscite con la maglia della Juventus. Impiegato in attacco contro la Sampdoria insieme a Cristiano Ronaldo, esterno di destra contro la Roma e anche ieri sera, da dove è scaturito il suo splendido gol contro il Verona. Nel prepartita di Crotone-Juve, ai microfoni di DAZN Kulusevski aveva dichiarato: «Sono giovane e fa bene fare tanti ruoli, non ho problemi a cambiare ruolo. Mi sento bene in tutte le posizioni. Più sono vicino alla porta e meglio posso fare». Mentre a Sky Sport, nella sua esperienza al Parma aveva dichiarato: «De Bruyne è uno dei cinque giocatori più forti del mondo. Devo dire che lo studio molto perché è fenomenale. Voglio diventare come lui, è molto forte. Credo che in futuro farò nuovamente la mezzala».

Dybala e Kulusevski: un sodalizio destinato a fare la fortuna di Pirlo

Dejan Kulusevski ieri sera ha mostrato di gradire particolarmente la compagnia di Paulo Dybala. Sono state tante le combinazioni tra i due e la Juventus ha beneficiato della loro classe, rendendosi pericolosa più che mai nel finale di gara. Un sodalizio destinato a fare la fortuna di Andrea Pirlo. Kulusevski dichiarò a Tuttosport: «C’è solo da imparare dal suo percorso, a volte è stato anche capitano. Mi fa impazzire il suo modo di giocare: ha le giocate in testa e con il sinistro inventa magie che di solito si vedono solo alla playstation. Non vedo l’ora di poter combinare con Dybala. E chiederò tanti consigli a De Ligt per entrare velocemente nel gruppo. Matthijs ha appena un anno in più di me e si è già affermato alla Juventus». 

Kulusevski e Cristiano Ronaldo: l’allievo osserva il maestro

Instagram

Il rapporto con Cristiano Ronaldo è di profonda ammirazione ma sempre con l’occhio vigile per rubare i segreti di un campione così longevo. Nella sua conferenza stampa di presentazione, Kulusevski dichiarò:  «Cristiano è fantastico, sono molto fortunato, posso imparare da lui e giocare con lui. È molto simpatico, abbiamo parlato tanto, è come benzina e mi aiuta solo a far meglio. Sono fortunato e spero di aiutarlo». La mentalità giusta, il “genio” con regolarità senza colpi di testa che sta facendo sognare i bianconeri in questo avvio di campionato.

LEGGI ANCHE: Cuadrado: «Juve-Barcellona? In queste gare tiriamo fuori qualcosa di più»

 

Condividi