Connettiti con noi

News

Pogba, Di Maria e Perisic: il passato insegna. Ecco perché è la scelta giusta

Pubblicato

su

Pogba, Di Maria e Perisic: il passato insegna ai bianconeri. Ecco perché questa è la scelta giusta per la Vecchia Signora

Soltanto con i giovani, sebbene questi siano di belle speranze, non si vince. Queste le riflessioni che potrebbero essere maturate presso il quartiere generale della Continassa a un paio d’anni da quella tanto annunciata e decantata rivoluzione. Un cambiamento quasi epocale che avrebbe dovuto prevedere l’ingresso di giovani a costi relativamente contenuti in grado di continuare il percorso di crescita proprio e della Juventus, aiutare la squadra e creare valore, non solo in campo ma anche dal punto di vista economico. Chiesa e Locatelli sono stati due esempi lampanti del tipo di strategia adottata dalla Juventus negli scorsi mesi e che, va precisato, dovrebbe con ogni probabilità ancora proseguire nel corso delle prossime sessioni di mercato con il possibile acquisto, per esempio, di Raspadori.

TANTE DIFFICOLTÀ, MA IL PASSATO INSEGNA

Tuttavia i bianconeri si sono accorti che così non può bastare e, dopo le difficoltà prima con Pirlo e poi con Allegri, hanno compreso che lo spogliatoio pecca di alcune caratteristiche che solo i campioni con un grande passato possono portare. Da qui la necessità di inserire in rosa calciatori già affermati, con un enorme bagaglio d’esperienza e in grado di far crescere i più giovani già presenti. Non una novità assoluta per la Juventus che in passato, sebbene in sessioni diverse, aveva già portato all’ombra della Mole calciatori con queste caratteristiche e che bene avevano fatto nel loro trascorso in maglia bianconera. Tra questi Mandzukic, arrivato alla Juventus all’alba dei trent’anni; Pirlo, che ha indossato il bianconero a partire dalle trentuno primavere; Dani Alves, che da trentatreenne è stato tra i protagonisti assoluti della cavalcata che ha portato la Juventus a un passo dal trionfo a Cardiff.

JUVE REGINA DEL MERCATO

E le scelte della Juventus, vera e propria regina indiscussa di questa primissima fase del mercato, non fanno che confermare questa visione. Da qui l’idea della Vecchia Signora di inserire calciatori esperti in arrivo a parametro zero (per loro l’impegno è da circoscrivere al solo ingaggio). A partire da Di Maria, 34enne in uscita dal PSG e in cerca di una nuova, breve, avventura in Europa; Pogba, sulla soglia dei 30anni e nel pieno della maturità calcistica; fino a Perisic, esterno croato che dovrebbe lasciare l’Inter nel corso della prossima sessione di mercato.

La strategia della Juventus è ormai chiara: campioni già affermati per riportare la Juve lì dove merita, così come dichiarato senza troppi giri di parole dal presidente bianconero Andrea Agnelli.