Connettiti con noi

News

Allegri come Sarri e Pirlo in Champions. Ma il confronto in campionato è impietoso

Pubblicato

su

Allegri come Sarri e Pirlo in Champions League. Il confronto in campionato è però impietoso: tutti i numeri

Parlare di fallimento è disonestà intellettuale ma non posso farci niente. Eravamo in corsa per i quarti, siamo in corsa per un posto in Champions League, siamo in vantaggio in Coppa Italia. Ai ragazzi non ho nulla da rimproverare. Stasera la Juventus ha fatto una delle migliori gare in Europa. Io sto sempre coi piedi per terra e valuto quello che ho in mano“. Massimiliano Allegri ha perso le staffe nella conferenza post Juve Villarreal. Il tecnico bianconero non vuole sentir parlare di fallimento per la sua squadra. A questo punto della stagione, Dybala e compagni sono già eliminati dalla Champions League, quarti in campionato a 7 punti dalla capolista Milan e vicini alla finale di Coppa Italia dopo l’1-0 del Franchi contro la Fiorentina. Fallimento o meno, numeri alla mano la Juve di Allegri sta finora facendo peggio rispetto alle stagioni di Sarri e Pirlo, culminate con l’esonero di entrambi gli allenatori. Il confronto in campionato è in entrambi i casi sfavorevole, impietoso quello con Sarri.

Allegri condivide con Sarri e Pirlo solo l’eliminazione agli ottavi di Champions League. I numeri in Italia sono invece tutti a favore dei suoi predecessori. Quest’anno, infatti, la Juventus ha conquistato 56 punti in 29 giornate. Con Pirlo, nella scorsa stagione, era a quota 59 con la conquista della Supercoppa Italiana, quest’anno persa dai bianconeri contro l’Inter. A fine anno è anche arrivato il trionfo in Coppa Italia, obiettivo per il quale Allegri è ancora in corsa. Due trofei alzati da Pirlo che il toscano potrebbe eguagliare solo con una clamorosa rimonta scudetto oltre alla Coppa Italia. Impietoso, e ancora più clamoroso nei numeri, è invece il confronto con Maurizio Sarri. La Juventus di due stagioni fa, nelle prime 29 giornate, conquistò ben 72 punti, 16 in più di quella attuale per l’ultima cavalcata scudetto del club bianconero. Massimiliano Allegri è dunque chiamato ad una svolta immediata in Serie A.