Juventus Youth: la partita simbolo del 2020 di Primavera, Under 17, 16 e 15

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus Youth, la partita simbolo del 2020 di Primavera, Under 17, 16 e 15. Ecco le gare che han segnato quest’anno solare

L’emergenza causata dal Covid-19 ha prolungato la sospensione dei campionati giovanili fino al 10 gennaio. In un 2020 così complicato, che si concluderà senza partite per la Juventus Youth, è già possibile individuare la gara simbolo che più ha mostrato la crescita di Primavera, Under 17, 16 e 15.

Juve Primavera: Petrelli doma la Dea a Vinovo

petrelli fagioli moreno

La fotografia più bella del 2020 per la Juve Primavera è la straordinaria prova di forza risalente alla scorsa stagione, il 1^ febbraio. All’Ale&Ricky di Vinovo, la squadra allora guidata da Lamberto Zauli ospitava l’Atalanta di Massimo Brambilla. La Dea viaggiava a vele spiegate in vetta alla classifica, e difficilmente era abituata a scivoloni nell’arco della stagione (a fine anno, infatti, venne incoronata vincitrice dello Scudetto).

Missione complicata ma ambiziosa per la Juventus, che riuscì ad imporsi per 2-1 in uno scatto matto da pellicola cinematografica. Era la Primavera di Israel, Fagioli, Ranocchia, Petrelli, ora tutti protagonisti in Under 23. Proprio Petrelli incise a fuoco il suo nome sulla copertina dell’incontro, mettendo a segno l’uno-due decisivo che ribaltò l’iniziale svantaggio di Piccoli. Ora è capocannoniere bianconero in Seconda squadra: nessuna stranezza, l’attaccante classe 2001 è abituato a trascinare le sue squadre a suon di reti…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ELIA PETRELLI (@eliapetrelli9)

Juventus Under 17: spazzata via la terza forza del girone in trasferta

La scorsa stagione è stata per la Juventus Under 17 una continua dimostrazione di quanto la squadra di Francesco Pedone fosse di un’altra categoria. Lo stop definitivo del campionato 2019/20 causa Covid-19 ha ‘privato’ i bianconeri di uno Scudetto che mai come quell’anno sembrava davvero il coronamento di un percorso perfetto… E anche la seconda parte della stagione, nei primi mesi del nuovo anno, ha confermato lo straordinario dominio della Juventus.

La partita simbolo di questo 2020 è rappresentata dall’egemonia sul campo del Genoa (terzo in campionato). Un 4-1 risalente al 19 gennaio che ha spazzato via un’altra candidata alla prima posizione. E ricordiamolo: l’Under 17 era prima a +21 punti dalla seconda! Al vantaggio di Fossati replicarono Cerri (doppietta), Ferraris e Chibozo, in un pomeriggio difficile da dimenticare per la Juventus.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Leonardo Cerri (@leonardocerri_9)

Juventus Under 16: doppio sorriso con la Lazio e fuga in vetta

Scenario diametralmente simile anche per la Juventus Under 16, che al momento dello semaforo rosso definitivo del campionato aveva consolidato appieno la sua medaglia d’oro nel raggruppamento. +9 le lunghezze nei confronti della seconda, la Lazio, e una continua crescita del gruppo di Andrea Bonatti che lasciava un velo di speranza in ottica titolo finale. Non è stato questo l’epilogo, ma ogni tappa della stagione ha potuto mostrare il grande salto di qualità di ogni calciatore.

La partita manifesto di questo 2020 non può che essere lo scontro diretto proprio contro la Lazio risalente al 9 febbraio. I bianconeri erano chiamati a certificare il loro dominio contro la seconda forza del girone: missione ampiamente compiuta. 2-0 nel segno di Galante e Turco e altra iniezione di fiducia ad un gruppo meravigliosamente coeso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tommaso Galante (@tommogala9)

Juventus Under 15: Anghelè e Vacca per il ribaltone con la Lazio

La Lazio è stata la vittima più ‘prestigiosa’ di questo 2020 anche per la Juventus Under 15. Il match, risalente al 9 febbraio, fece luce sulla grande crescita del gruppo di Corrado Grabbi nella seconda parte della passata stagione, con i bianconeri che imposero il proprio dominio contro la terza della classe. Quinto posto finale per la Juventus, con lo stop al campionato che arrestò proprio sul più bello il percorso di maturazione dei singoli dell’Under 15.

Il 2-1 dell’Ale&Ricky con la Lazio rappresenta perfettamente questo discorso. Contro una formazione più avanti in classifica, l’undici di Grabbi scese in campo con una consapevolezza diversa, affidandosi alla forza del gruppo e alle giocate dei singoli: Anghelè e Vacca, infatti, tra i talenti più cristallini della rosa, ribaltarono il risultato.

LEGGI ANCHE: Juventus Youth, tra sospensioni dei campionati e curiosità. Il punto

Condividi