Pagelle Roma-Juve: bene Kulusevski, male Rabiot. Ci pensa CR7 VOTI

crotone juve kulusevski
© foto www.imagephotoagency.it

I voti ed i giudizi ai protagonisti del match dello stadio Olimpico tra i bianconeri ed i giallorossi: pagelle Roma Juve

Le pagelle dei protagonisti del posticipo della seconda giornata di Serie A. Di fronte Roma e Juve. LA CRONACA DEL MATCH

Szczesny 6.5 – Fa muro su un inserimento di Mkhitaryan in avvio, sfortunato sul calcio di rigore di Veretout: intuisce il lato e smanaccia la palla, ma viene tradito dal palo.

Danilo 6.5 – Lavora discretamente bene da terzo di difesa, cerca spesso l’anticipo e riesce nell’intento. Assist perfetto per Ronaldo sul 2-2.

Bonucci 5.5 – Si fa saltare troppo facilmente al decimo da Mkhitaryan e costringe Szczesny al miracolo.

Chiellini 6 – Servono gli straordinari all’Olimpico: la Roma colpisce in contropiede e la retroguardia bianconera viene messa spesso sotto pressione.

Kulusevski 6 – Forza e tecnica sulla corsia, esperimento riuscito. Dal 85′ Frabotta SV

Rabiot 4.5 – Braccio largo in area, Di Bello non ha dubbi a indicare il dischetto alla mezz’ora. Nella ripresa fallo brutto e ingenuo su Mkhitaryan: fuori per doppia ammonizione.

McKennie 5 – Non conferma la prova brillante dell’esordio, facendosi sorprendere troppo facilmente. Dal 58′ Arthur 6 – Buon esordio con la maglia della Juve.

Cuadrado 5.5 – Posizione atipica per lui e serata non proprio da ricordare.

Ramsey 6 – Prova a rendersi pericoloso da trequartista, non sempre fortunato quando può fare la differenza. Dal 68′ Bentancur 6 – Pirlo lo manda in campo per mettere ordine in mezzo, lui esegue con diligenza.

Ronaldo 7 – Si guadagna un calcio di rigore e lo realizza senza patemi. A metà ripresa salta più in alto di tutti e pareggia i conti.

Morata 6 – Prova a dare subito soluzioni, servirà ancora un po’ di tempo per la piena conoscenza con i compagni. Dal 58′ Douglas Costa 6 – Qualche guizzo e buon lavoro in entrambe le fasi.

All. Pirlo 6 – La sua Juve torna ridimensionata da Roma, evidentemente alla ricerca dell’equilibrio migliore. La reazione allo svantaggio, però, è un forte segnale di cambiamento rispetto al passato. Gioca bene le carte in corsa, i suoi reggono anche in dieci.


Gli avversari

Roma: Mirante 6; Mancini 5.5, Ibanez 7, Kumbulla 6; Santon 6 (68′ Peres 5), Veretout 7, Pellegrini (72′ Diawara 6), Spinazzola 6.5; Mkhitaryan 7, Pedro 6.5; Dzeko 6.5. All. Fonseca 6

Condividi