Juventus U23-Pistoiese: Zauli per i tre punti, ma c’è un altro segnale positivo

Iscriviti
zauli-juve-primavera
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus U23 Pistoiese: Zauli per ritrovare i tre punti, ma c’è un altro segnale positivo per la squadra bianconera

Dopo una settimana di stop causa rinvio per gli impegni dei Nazionali, la Juventus U23 torna in campo nell’appuntamento di domani contro la Pistoiese. Alle 15, lo stadio Moccagatta di Alessandria ospiterà la sfida della 12ª di Serie C, con i bianconeri chiamati a tornare alla vittoria che manca di circa un mese. Tra assenze, ritorni e novità, ecco le ultime in vista del match di domani. CLICCA QUI PER SEGUIRE LA DIRETTA LIVE

Juventus U23-Pistoiese: il momento di forma delle due squadre

L’ultimo successo della squadra di Zauli risale al 25 ottobre, quando i bianconeri riuscirono a violare le mura amiche della Lucchese con l’1-0 finale. Poi una sconfitta, col Como, e tre pareggi con Lecco, Livorno e Novara. La Juventus ha dovuto fare i conti con parecchie assenze in questo ultimo periodo, che avrebbero potuto minare in maniera evidente questo avvio di stagione. Ma non è stato così… Con un mix di giovani, giocatori di esperienza, e una forte compattezza di squadra, l’Under 23 è uscita dal tunnel nel modo migliore.

La Pistoiese è ancorata a quota 9 punti in classifica, 4 meno rispetto alla Juve. Momento non facile per la squadra di Frustalupi (alla prima avventura lontano da Walter Mazzarri, avendo vestito per anni i panni del suo vice), reduce da due sconfitte consecutive contro Pro Vercelli e Olbia. Si affiderà a due punti fermi che hanno già incrociato il mondo Juventus in passato: trattasi di Vincenzo Camilleri, transitato a Torino nel 2010/2011 ed esordiente in Europa League con Delneri e Matteo Stoppa, che lo scorso anno ha vissuto sei mesi nella Primavera proprio sotto la guida di Lamberto Zauli

Juventus U23: il punto della situazione in casa bianconera di pardo

Tre buone notizie sono arrivate per Lamberto Zauli in questi giorni. Wesley, Lucas Rosa e Andrea Brighenti sono guariti dal Covid-19, e hanno preso parte agli allenamenti con i loro compagni. I tre si vanno ad aggiungere ai già negativizzati dei giorni precedenti ossia Bucosse, Barbieri, Di Pardo, Dragusin e lo stesso mister Zauli, e saranno già arruolabili per i prossimi impegni. Resta positivo, al momento, capitan Alcibiade che, attraverso le sue Instagram stories, ha fatto però partire il «countdown» per il rientro.

Le buone notizie non sono finite di certo qui. Nicola Mosti è tornato ad allenarsi insieme ai compagni dopo l’infortunio che lo ha tenuto ai box nelle ultime settimane. Lo ha testimoniato lo stesso calciatore sui social, candidandosi per l’immediato ritorno in campo. Alessandro Di Pardo, invece, per questo filo diretto tra prima squadra e Under 23, è stato convocato da Andrea Pirlo per la partita tra Juve e Cagliari, compiendo uno step importante per la sua crescita.

Zauli presenta Juventus U23-Pistoiese: le parole del tecnico

«Hanno il giusto mix di giovani e giocatori esperti. Abbiamo visto che le partite si giocano sugli episodi, dovremo affrontarla bene cercando di avere al risultato tramite il gioco. È una gara importante per la classifica ma anche per la crescita dei ragazzi». Così ha presentato l’incontro Lamberto Zauli ai microfoni di Juventus TV, analizzando tutte le minacce possibili provenienti dall’incontro.

L’allenatore della Juventus, poi, ha puntato la lente d’ingrandimento sul momento di forma vissuto dalla sua squadra: «Dobbiamo sempre essere ottimisti, dare ai ragazzi sicurezza, autostima, coraggio. Questi sono i messaggi che cerco di mandare giorno per giorno. Saranno poi le partite a dirci cosa migliorare e dove siamo migliorati. Guardiamo partita dopo partita, è un percorso che siamo contenti di fare».

Chiosa finale, poi, da parte di Zauli su Mirko Conte, il suo vice allenatore che lo ha sostituito in questo periodo così complicato: «Io ho grandissima empatia, feeling e rispetto con Conte. Noi preparavamo insieme partite ed allenamenti a distanza, c’era grande coerenza tra i nostri pensieri. Poi Mirko da uomo di calcio e ragazzo intelligente si è comportato nel migliore dei modi, rispettando i ruoli e facendosi rispettare dai ragazzi. Sono stati bravissimi anche loro a capire il momento e a remare dalla stessa parte».

LEGGI ANCHE: Calendario partite Juventus: sprint a confronto con le prime della classe

Condividi